Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Team Roberts: difficile un secondo pilota nel 2007

Team Roberts: difficile un secondo pilota nel 2007

Team Roberts: difficile un secondo pilota nel 2007

motogp.com ha parlato con Chuck Aksland, Managing Director del Team Roberts, in merito all'evoluzione del telaio della KR211V di Kenny Roberts Jr. e sulla programma di sviluppo del modello da 800cc con il quale la squadra correrà nella prossima stagione.

Domanda: Come ha risposto il nuovo telaio nei test di Motegi?
C. Aksland: Abbiamo fatto diversi cambiamenti in questa stagione, in Giappone abbiamo provato un nuovo telaio. Le ultime gare non sono andate come speravamo, cose che capitano nelle gare, ma vogliamo essere più vicini alla testa della gara nelle gare che restano.

D:Come procede il programma di sviluppo del modello da 800cc?
C. Aksland: In questo momento siamo in attesa che Honda ci dia le informazioni necessarie per iniziare a disegnare la nuova moto, siamo fiducioso che ciò possa avvenire la prossima settimana. Questo sarà il nostro punto di partenza. L'obiettivo è quello di poter partecipare al primo test della pre-stagione 2007. Potrebbe sembrare che c'è ancora molto tempo, ma i giorni scorrono veloci e in mezzo ci saranno anche i giorni di Natale.
D:Esiste la possibilità di vedere due piloti nel team nel 2007?
C. Aksland: Adesso come adesso ci piacerebbe poter avere due piloti, tutto dipende dal fornitore del motore e dai nostri sponsor. Anche se tutto lascia pensare che nella prossima stagione potremo contare su di un unico pilota, speriamo di poterne avere due nel 2008.
D: Quali risultati sperate di ottenere nelle prossime gare europee?
C. Aksland: Noi cerchiamo sempre di essere il più davanti possibile, in tutte le gare. Sarebbe fantastico poter salire di nuovo sul podio, Kenny Jr. e il team hanno fatto un lavoro fantastico quest'anno e tornare sul podio sarebbe una maniera fantastica di chiudere la stagione.

Tags:
MotoGP, 2006, bwin.com GRANDE PREMIO DE PORTUGAL, Kurtis Roberts

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›