Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Pedrosa: `A Valencia sarò il miglior aiuto di Nicky´

Pedrosa: `A Valencia sarò il miglior aiuto di Nicky´

Pedrosa: `A Valencia sarò il miglior aiuto di Nicky´

Una intervista a Dani Pedrosa, il giovane pilota spagnolo del team Repsol Honda alla sua prima stagione nella massima classe del Campionato del Mondo di MotoGP.

Domanda: Il lunedì mattina dopo la gara di Estoril, come ti sei sentito?
Dani Pedrosa: "È stata dura, per me ma soprattutto per Nicky, ma anche per Honda, per Repsol, per i meccanici e tutti gli appassionati che ci hanno seguito nel corso della stagione. Sono molto triste per quello che è successo all'Estoril, mi rendo conto che adesso non si può cambiare quello che è successo, ma ci sono ancora molte possibilità che Nicky si aggiudichi il titolo. Il team Repsol Honda è una sola squadra e a Valencia, come sempre, lo dimostreremo.

D: Il comportamento di Nicky dopo la gara è stato molto corretto, hai pensato a come avresti reagito tu in una situazione a parti inverite?
Dani Pedrosa: "Ci ho pensato molto. Nicky non ha voluto accendere una polemica, nonostante tutto ha saputo mantenere la calma e comportarsi con molta professionalità. Ha accettato le mie scuse e non ha dato adito ai media di speculare sull'accaduto."

D: Ci puoi dire a mente fredda cosa è successo esattamente in quella curva?
Dani Pedrosa: "Ho fatto una buona partenza, avevo superato Nicky e mi ero messo dietro a Rossi che stava tirando. Era chiaro che Rossi non poteva allungare e che Edwards avrebbe fatto di tutto per rallentarci. All'improvviso Edwards mi supera togliendomi dalla mia traiettoria. Poi lo stesso è successo con Nicky, così ho preferito tenermi fuori dal duello, in quarta posizione. Il mio piano era quello di controllare Valentino da dietro e tentare l'attacco nei giri finali. Con Alberto [Puig] avevamo tracciato varie ipotesi, il nostro obiettivo era quello di prendere 50 punti nelle ultime due gare, Honda ci aveva concesso massima libertà e matematicamente avevamo la possibilità di lottare per il titolo. Nicky avrebbe potuto sbagliare e la Yamaha ha dimostrato di avere un motore delicato in questa stagione."

"Comunque, tornando all'accaduto, il mio piano era quello di mantenermi lì in quarta posizione e giocare le mie carte poi nel finale. Poi però alla curva 6 sono arrivato troppo veloce, con la ruota posteriore alzata in frenata. È stata una questione di secondi, mi sono reso conto di quanto stava per succedere, ho cercato l'interno per trovare spazio per frenare e la ruota anteriore ha così perso aderenza. Speravo di finire lungo da solo, invece ho preso anche il mio comapgno di squadra."

D: Molti hanno approfittato di questo per fare delle critiche su di te, cosa vuoi dire in merito?
Dani Pedrosa: Posso solo dire che mi spiace molto per quello che è successo. Nicky non meritava una cosa del genere. Io ho chiesto scusa a chi dovevo, mi prendo pubblicamente l'impegno di fare quanto possibile per aiutare il mio compagno di squadra nella corsa al titolo. A Valencia sarò il miglior aiuto per Nicky.

Tags:
MotoGP, 2006, GRAN PREMIO bwin.com DE LA COMUNITAT VALENCIANA, Dani Pedrosa

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›