Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Il paddock del MotoGP arriva in Qatar

Il paddock del MotoGP arriva in Qatar

L'attesa è finalmente finita, il paddock mondiale è pronto a ripartire per una nuova stagione del Campionato del Mondo di MotoGP. Primo appuntamento della stagione a Losail, in Qatar, per il Commercialbank Grand Prix of Qatar.

L'attesa è finalmente finita, il paddock mondiale è pronto a ripartire per una nuova stagione del Campionato del Mondo di MotoGP. Primo appuntamento della stagione a Losail, in Qatar, per il Commercialbank Grand Prix of Qatar.

Si tratterà della prima occasione per vedere impegnate in pista le nuove MotoGP da 800cc in una competizione ufficiale, se si esclude la sessione cronometrata di qualifiche svoltasi a Jerez de la Frontera nel corso dei Test Ufficiali di MotoGP.

Il numero 1 sulla RC212V di Nicky Hayden sarà in pista per il primo GP di una stagione nella quale il pilota statunitense del team Repsol Honda dovrà difendere il titolo conquistato nel 2006. Al suo fianco il giovane Dani Pedrosa è il primo dei rivali dal quale Hayden dovrà guardarsi, anche in considerazione delle prestazioni evidenziate proprio nei Test Ufficiali di MotoGP di Jerez.

A sfidare le due Honda ufficiali, le M1 del Fiat Yamaha Team, con Valentino Rossi deciso a riconquistare un titolo che nelle ultime stagioni aveva di fatto monopolizzato. Con lui lo statunitense Colin Edwards, estremamente costante e veloce nei test pre stagioni svolti dalla formazione guidata da Davide Brivio.

L'introduzione della nuova cilindrata è al momento ancora un'incognita per i team della classe regina, che possono al momento fare affidamento sui soli dati raccolti nel corso dei test pre stagione ma che non hanno ancora dalla loro il conforto di una verifica in una competizione sulla distanza di un Gran Premio. Per questo, almeno sulla carta, sono molti i piloti che potrebbero inserirsi nelle posizioni di testa e lottare per il titolo.

Le Ducati Marlboro di Loris Capirossi e Casey Stoner, così come le Desmosedici che Ducati fornisce al team Pramac d'Antin che schiera Alex Barros e Alex Hofmann, hanno già lanciato segnali chiari in merito alle loro chance di competere con i migliori. Alcuni tracciati in particolare, come quello australiano di Phillip Island, hanno già espresso la loro particolare sintonia con le Bridgestone con le quali sono equipaggiate le moto di Borgo Panigale.

Doppia incognita per il team Honda Gresini, che conta su Marco Melandri e Toni Elias, che alla nuova cilindrata affiancano anche l'introduzione delle Bridgestone in sostituzione delle Michelin precedentemente utilizzate. Sempre con le Bridgestone, le Rizla Suzuki di John Hopkins, il migliore in Qatar nei test di febbraio, e Chris Vermeulen, anche loro attese a un debutto importante sulla pista di Losail.

La coppia francese formata da Randy de Puniet e Olivier Jacque, con le Kawasaki Racing, i giapponesi Makoto Tamada (Dunlop Yamaha Tech 3) e Shinya Nakano (Konica Minolta Honda), Kenny Roberts Jr. (Team Roberts), sono tutti alla ricerca di quella continuità di rendimento che potrebbe assicurargli un ruolo da protagonista nella nuova stagione mondiale.

Infine, grande attesa per il debutto della Ilmor GP con Jeremy McWilliams e Andrew Pitt, al debutto della loro prima stagione mondiale con il nuovo prototipo MotoGP.

In 250 a difendere il titolo è lo spagnolo Jorge Lorenzo, ancora in sella alla Aprilia Fortuna ufficiale, che dovrà vedersela con i rivali della passata stagione, Andrea Dovizioso (Humangest Racing) e Alex De Angelis (Master MVA Aspar) su tutti, ma anche sulla folta schiera di piloti provenienti dalla 125. Tra questi il Campione del Mondo in carica della ottavo di litro, Alvaro Bautista, che affianca De Angelis, ma anche Thomas Lüthi, Mika Kallio. Tra i migliori da seguire anche le Metis Gilera di Marco Simoncelli e Roberto Locatelli, e la Aprilia Toth di Hector Barbera.

Elevato anche il livello della 125, nonostante il passaggio alla categoria superiore di diversi dei protagonisti della stagione 2006, sono numerosi i giovani piloti pronti ad affrontare una nuova corsa al titolo della ottavo di litro: Hector Faubel, Mattia Pasini, Sergio Gadea e Gabor Talmacsi, i piloti Aprilia, ai quali si contrappongono le Repsol Honda ufficiali di Bradley Smith ed Esteve Rabat, ma anche le Derbi con Lukas Pesek e le KTM con Tomoyoshi Koyama.

Tags:
MotoGP, 2007, Commercialbank GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›