Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Fiat Yamaha a Istanbul, un tracciato impegnativo

Fiat Yamaha a Istanbul, un tracciato impegnativo

Il team Fiat Yamaha è pronto ad affrontare la sifda della prossima settimana sul tracciato di Isatnbul Park, un appuntamento che si presenta come una sfida difficile per le nuove 800cc che non hanno mai girato sulla pista turca.

Il team Fiat Yamaha è pronto ad affrontare la sifda della prossima settimana sul tracciato di Isatnbul Park, un appuntamento che si presenta come una sfida difficile per le nuove 800cc che non hanno mai girato sulla pista turca.

Oltre a dover mettere a punto le moto partendo da zero, un punto cruciale sarà quello del nuovo regolamento gomme, che limita il numero di pneumatici che ogni pilota può utilizzare nel corso del weekend.

La lotta contro il tempo prenderà il via venerdì mattina, quando i piloti e gli ingegneri si dedicheranno alla scelta delle gomme e cercheranno la miglior messa a punto per le loro moto. Il circuito molto impegnativo non faciliterà di certo il lavoro: quattordici curve, otto a sinistra e sei a destra, di cui molte disegnate su famose curve di altri circuiti, come le 'esse Senna' di San Paolo, 'la curva a cucchiaio' di Suzuka e la 'Eau Rouge' del circuito di Spa. Come a Phillip Island e a Laguna Seca, ha anche l'insolita caratteristica di correre in senso antiorario.

Valentino Rossi
"Le prossime due gare in Turchia e in Cina non mi piacciono molto e a Istanbul non ho mai vinto, ma è un bel circuito con alcune curve molto veloci. Se la moto va bene ci divertiremo credo. L'anno scorso ho fatto un errore all'inizio della gara e mi è costato il podio, quest'anno non farò lo stesso errore! Siamo in testa al campionato, ma la stagione è lunga e dobbiamo mirare a salire sul podio in tutte le gare."

"L'aspetto difficile delle prossime due gare sarà la potenza, perché i circuiti di Istanbul e di Shanghai hanno rettilinei molto lunghi. Abbiamo provato soluzioni nuove durante i test di Jerez per migliorare la potenza e so che la Yamaha in Giappone ha lavorato molto per cui spero che a Istanbul ci sarà un miglioramento. L'altra questione decisiva sarà quella delle gomme, in questa stagione è la prima volta che gareggeremo su un circuito che non abbiamo provato prima."

"Con il nuovo regolamento sarà molto importante fare le scelte giuste e non sappiamo neanche che tempo farà."

Colin Edwards
"È stato bello avere un po' di tempo da passare a casa nel relax sapendo di aver fatto bene a Jerez. Ora è tempo di tornare al lavoro per dimostrare che non è stato un colpo di fortuna, tornando a spruzzare champagne in Turchia. Di sicuro non è uno dei miei circuiti preferiti e l'anno scorso è stata davvero dura per noi, ma allora avevamo un sacco di problemi, quest'anno le cose sono diverse."

"Sappiamo che ci manca un po' di potenza sui rettilinei, ma sappiamo anche che la moto va molto bene per cui speriamo di poter recuperare nelle altre parti del circuito."

"Ovviamente tutti parleranno della questione delle gomme a Istanbul, ma siamo tutti sulla stessa barca. Nessuno ha fatto test sul circuito per cui tutti dovranno prendersi dei rischi nella scelta delle gomme. Fondamentalmente, dobbiamo solo aver fiducia nella Michelin. A Jerez pensavamo di avere dei problemi ma loro erano sicuri di avere ‘la' gomma e avevano ragione. Sanno esattamente ciò che fanno per cui speriamo che vada tutto bene!"

Davide Brivio
"Andiamo in Turchia con l'intenzione di attaccare perché la gara in Cina potrebbe essere difficile per noi e potremmo aver bisogno di difenderci. Naturalmente, per tutti la grande sfida di questo weekend è quella di trovare velocemente una messa a punto adatta e scegliere le gomme giuste. Per la Yamaha Istanbul non è stato un bel circuito e il freddo non aiuterà di certo, ma abbiamo un team di ingegneri eccezionali e un rapporto fantastico con la Michelin per cui abbiamo tutte le carte per fare la differenza."

"Anche se non abbiamo fatto test a Istanbul, quest'inverno abbiamo raccolto dati su molti circuiti diversi e la moto è andata molto bene ovunque, aspetto di cruciale importanza per chi punta a vincere il Campionato del mondo. Siamo ancora all'inizio della stagione, ma la nuova M1 sembra rispondere bene per cui venerdì vedremo su cosa dovremo concentrarci. Dopo gli eccellenti risultati di Jerez entrambi i nostri piloti sono molto motivati per cui non vediamo l'ora di affrontare un'altra grande sfida."

Tags:
MotoGP, 2007, GRAND PRIX OF TURKEY

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›