Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Torna il MotoGP, la prossima settimana tutti a Istanbul

Torna il MotoGP, la prossima settimana tutti a Istanbul

Il prossimo 22 aprile torna il Campionato del Mondo di MotoGP con l'appuntamento di Istanbul valevole per il Gran Premio di Turchia. Sarà l'occasione di vedere come si comporteranno le nuove MotoGP 800cc su di un tracciato sul quale piloti e team non hanno avuto modo di provare nel corso della pre stagione.

Il prossimo 22 aprile torna il Campionato del Mondo di MotoGP con l'appuntamento di Istanbul valevole per il Gran Premio di Turchia. Sarà l'occasione di vedere come si comporteranno le nuove MotoGP 800cc su di un tracciato sul quale piloti e team non hanno avuto modo di provare nel corso della pre stagione. Al contrario di Qatar e Jerez, scenari dei test ufficiali di MotoGP nel corso del periodo invernale, il tracciato di Istanbul non ha mai visto scendere in pista i nuovi prototipi al via di questa stagione mondiale.

Si tratta inoltre, già di per sé, di una pista relativamente recente, con solo due Gran Premi alle spalle, e per questo motivo non conosciuta nei dettagli come invece accade per altri tracciati del calendario mondiale. A Istanbul la classe regina arriva con Valentino Rossi di nuovo al vertice della classifica piloti, per il pilota del team Fiat Yamaha 45 punti conquistati con il secondo posto di Losail e la vittoria di Jerez. Dietro di lui a pari punti due giovani ex-rookie, l'australiano Casey Stoner e lo spagnolo Dani Pedrosa, che inseguono con 36 punti.

Le ultime sei gare disputate nella massima categoria sono state vinte da sei piloti diversi: Marco Melandri, Loris Capirossi, Toni Elias, Troy Bayliss, Casey Stoner e Valentino Rossi, la scia potrebbe continuare a Istanbul, se a vincere fosse un pilota diverso dai precedenti. I candidati più in vista per proseguire questo curioso filone sono indiscutibilmente i due piloti Repsol Honda, il Campione del Mondo in carica Nicky Hayden e Dani Pedrosa. Ma anche il texano della Fiat Yamaha Colin Edwards, tornato sul podio a Jerez dopo una lunga assenza, ha dimostrato di trovarsi bene sulla nuova M1 da 800cc, il cui stile di guida più morbido ben si adatta alle caratteristiche dell'americano.

Ma è una pista in cui ci si attende molto anche da Marco Melandri, il solo pilota che fino a oggi possa vantare una vittoria su questa pista, e che ha un po' sofferto le prime gare della stagione, ancora alla ricerca del giusto affiatamento con la Honda RC212V del team Gresini con la quale corre. Anche il suo compagno di squadra Toni Elias ha le doti, lo ha dimostrato non solo con la vittoria dell'Estoril nella passata stagione, ma anche in questo inizio 2007, di poter ambire a una posizione sul podio.

Poi ci sono le Rizla Suzuki, con un ancora dolorante John Hopkins e il compagno Chirs Vermeulen, alla ricerca di una affermazione importante, seguiti da Alex Barros che con la Ducati del team Pramac d'Antin vuole confermare quanto fatto vedere in pre stagione. Sarà un GP di festeggiamenti per Shinya Nakano, che a Istanbul celebrerà il GP numero 100.

In 250 vedremo se la stagione continuerà sulla scia del dominio di Jorge Lorenzo, autore dopo due GP di due pole position e due vittorie che gli hanno consegnato un totale perfetto di 50 punti nella classifica piloti. Dietro lo spagnolo Campione del Mondo, i rivali di sempre, Alex De Angelis e Andrea Dovizioso, Hector Barbera e Shuhei e Hiroshi Aoyama. A questi si aggiunge la folta schiera di debuttanti, tutti i ragazzi della 125 che in questa stagione hanno fatto il loro ingresso nella quarto di litro: Alvaro Bautista, Thomas Lüthi, Mika Kallio.

Al momento non è dato sapere se Aprilia schiererà Alex Debon in sostituzione dell'infortunato Roberto Locatelli sulla Gilera del team Metis.

In 125, il duello per il podio è stato fino a questo momento una questione a tre, con Gabor Talmacsi, Hector Faubel e Lukas Pesek che si sono alternati sui gradini dei due podi assegnati in questo 2007. Pesek è il solo dei tre ancora alla ricerca di una vittoria nella ottavo di litro. Dietro il terzetto vincente, il primo dei piloti da tenere sotto osservazione è Mattia Pasini, uno dei piloti che, come già nelle due passate stagioni, è partito con i favori degli esperti per la corsa al titolo, ma che fino a questo momento non può che recriminare per un avvio di stagione piuttosto sfortunato.

L'appuntamento con il fine settiman del Gran Premio di Turchia è per il prossimo venerdì 20 aprile, prima giornata di prove sulla pista di Istanul Park.

Tags:
MotoGP, 2007, GRAND PRIX OF TURKEY

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›