Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Suppo: `La sfida cinese non è cosi semplice come sembra´

Suppo: `La sfida cinese non è cosi semplice come sembra´

Il team Ducati Marlboro è pronto alla sfida sulla pista di Shanghai, per quello che sarà il quarto Gran Premio della stagione 2007 del Campionato del Mondo di MotoGP.

Il team Ducati Marlboro è pronto alla sfida sulla pista di Shanghai, per quello che sarà il quarto Gran Premio della stagione 2007 del Campionato del Mondo di MotoGP.

Tutti gli occhi sono puntati sulla formazione delle rosse Desmosedici, attualmente leader della classifica piloti con l'australiano Casey Stoner, la classifica Costruttori e quella dedicata ai Team.

I due lunghi rettilinei del tracciato di Shanghai hanno quasi automaticamente orientato i pronostici sulle Ducati, per via della straordinaria velocità di punta dimostrata nei primi appuntamenti dell'anno.

Si tratta di un pronostico che il responsabile della formazione italiana, Livio Suppo, preferisce prendere con le divute cautele.

Livio Suppo
"Andiamo in un circuito dove dovremmo essere competitivi, e il condizionale è d'obbligo. Tutti infatti dicono che Shanghai per noi sarà facile, considerando i due lunghissimi rettilinei ma io non penso che sia una cosa automatica."

"È bello guidare sia la classifica dei piloti sia quelle dei costruttori e dei team ma noi teniamo i piedi ben piantanti in terra e consideriamo ogni week-end come una nuova sfida, con l'obiettivo di fare del nostro meglio."

L'australiano Casey Stoner sottolinea come sia non solo la velocità il fattore che può fare la differenza in Cina, ma anche la frenata. Un punto sul quale le Desmosedici si sino già dimostrate al passo dei migliori.

Casey Stoner
"A Shanghai non basta la potenza, la moto deve andare bene anche in frenata, ed io ricordo, dall'anno scorso, che le Ducati erano davvero molto, ma molto, difficili da superare in quel rampino, perché sono ottime in staccata."

Ottimista Loris Capirossi, pronto ad affrontare la trasferrta cinese dopo che il podio di Istanbul Park ha scacciato il ricordo delle prime, non esaltanti, prestazioni stagionali del pilota italiano.

Loris Capirossi
"Le prime due gare sono state difficili ma sia la squadra sia la Bridgestone hanno continuato ad avere fiducia in me ed io, adesso, ho ricominciato a divertirmi: è una cosa fondamentale per guidare bene ed essere veloce."

"La Bridgestone sta lavorando davvero molto ma molto bene: l'anno scorso la Turchia per loro era stata dura mentre quest'anno hanno dominato; fantastico!"

"Pensiamo di poter far bene anche a Shanghai anche perché nemmeno l'anno scorso è andata così male. È una pista strana con un rettilineo incredibile. La prima parte è un po' troppo stile Formula 1 per i miei gusti, non è semplice e nemmeno troppo divertente per la moto, ma nel complesso il tracciato è a posto. Mi piace guidarci e sicuramente alla nostra moto quel lungo rettilineo non dispiacerà troppo!"

"Dopo la Turchia sento di avere la possibilità di fare bene nel resto della stagione però preferisco aspettare e vedere che succede, continuando a lavorare gara dopo gara."

Tags:
MotoGP, 2007, SINOPEC GREAT WALL LUBRICANTS GRAND PRIX OF CHINA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›