Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Laguna Seca celebra Bridgestone con l'en plein

Laguna Seca celebra Bridgestone con l'en plein

Un GP da ricordare per Bridgestone, quello di Laguna Seca, il produttore giapponese di pneumatici ha conquistato il podio californiano piazzando tre suoi piloti sui tre gradini disponibili.

Un GP da ricordare per Bridgestone, quello di Laguna Seca, il produttore giapponese di pneumatici ha conquistato il podio californiano piazzando tre suoi piloti sui tre gradini disponibili. Casey Stoner (Ducati Marlboro), Chris Vermeulen (Rizla Suzuki) e Marco Melandri (Honda Gresini), tutti e tre sono piloti che montano le gomme nipponiche.

Al risultato del podio si deve aggiungere un tutto esaurito dalle posizioni che vanno dalla sesta alla decima, con la sola eccezione della Yamaha Tech 3 di Makoto Tamada che monta le Dunlop. Randy de Puniet (Kawasaki Racing), Anthony West (Kawasaki Racing), Alex Barros (Pramac d'Antin) e Roger Lee Hayden (Kawasaki Racing) sono tutti piloti Bridgestone, grazie al loro contributo la casa giapponese piazza sette piloti tra i primi dieci.

Le sole due Michelin tra i prim dieci sono, ancora una volta, la Fiat Yamaha di Valentino Rossi, quarto ieri ma a 30 secondi da Stoner, e la Repsol Honda di Dani Pedrosa.

Nella storia dei primi giri si può ritrovare l'andamento delle gomme dei piloti di testa, fatta eccezione per Stoner che ha preso il largo già dal primo giro, le prestazioni dei piloti Bridgestone e di quelli Michelin si riflette nella posizione occupata giro per giro.

Pedrosa, partito subito forte e in testa alla corsa all'ingresso della prima curva dopo il via, ha tenuto il secondo posto fino al terzo giro prima di dover cedere all'assalto della Rizla Suzuki di Vermeulen.

Il pilota spagnolo del team Repsol Honda ha quindi tenuto il ritmo della terza posizione fino al 15º giro (all'incirca la metà della gara, prevista sulla durata dei 32 giri) prima di dover cedere alla Honda gommata Bridgestone di Marco Melandri.

In quarta posizione fino al nono giro Rossi ha quindi dovuto cedere a Melandri la posizione nel decimo passaggio, riprendendola a Pedrosa al 20º, cinque giri dopo che lo spagnolo aveva dovuto cedere a Melandri.

Anche per Colin Edwards, che ha chiuso la gara all'undicesimo posto, un percorso simile a quello degli altri piloti Michelin. Il texano ha tenuto la quinta posizione per quattro giri, prima di cedere a Melandri, reggendo il ritmo della sesta posizione fino al 23º giro, passato da de Puniet prima, quindi da Tamada e West, infine da Barros e Roger Lee Hayden.

Tags:
MotoGP, 2007, RED BULL U.S. GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›