Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo riflette sul suo successo e pensa alla MotoGP

Lorenzo riflette sul suo successo e pensa alla MotoGP

Dopo essersi aggiudicato il secondo titolo consecutive nella classe 250cc domenica scorsa a Sepang, il pilota della Fortuna Aprilia Jorge Lorenzo è tornato in Spagna 24 ore dopo, per una sessione di domande e risposte sul suo successo di quest'anno e il suo imminente passaggio alla Yamaha per la stagione MotoGP 2008.

Dopo essersi aggiudicato il secondo titolo consecutive nella classe 250cc domenica scorsa a Sepang, il pilota della Fortuna Aprilia Jorge Lorenzo è tornato in Spagna 24 ore dopo, per una sessione di domande e risposte sul suo successo di quest'anno e il suo imminente passaggio alla Yamaha per la stagione MotoGP 2008.

motogp.com era presente all'evento a Barcellona con il Campione del Mondo 250cc.

Come ti sei sentito appena hai tagliato il traguardo?
Appena ho finito la gara ho fatto un'impennata e mi è quasi sembrato di aver perso la terza posizione! Poi ho pensato a tutte le persone che conosco e la mia testa era a mille. L'adrenalina era ai massimi livelli, quando sono rientrato ai box per vedere tutti i miei compagni di squadra. Ho capito che quello che ho fatto è davvero incredibile, è fantastico per la Spagna e per gli sportivi spagnoli in generale!

Quali sono i tuoi piani in Spagna ora che ti sei aggiudicato il titolo?
Mi sa che sarò bello impegnato. Ho notato molte differenze confronto la vincita dell'anno scorso. L'altro giorno al circuito in Malesia c'erano molti più tifosi che mi richiedevano autografi, e l'anno scorso non erano cosi tanti.

Come sarà lasciare l'Aprilia?
Salutare l'Aprilia sarà triste, perchè sono grandi persone che mi hanno aiutato molto nella conquista al titolo e mi hanno fatto diventare una persona migliore. Mi hanno dato una moto vincente e il periodo più bello della mia vita.

Dalla tua esperienza in 250cc cosa porterai in MotoGP? Quali sono stati i più bei momenti di questi ultimi tre anni?
Mi ricorderò di certe persone in particolare, due titoli, i tifosi che mi hanno sempre sostenuto, e mi sosterranno per il resto della mia carriera. Ho avuto dei momenti indimenticabili. Mi porterò delle viti e piastre con me, ma fortunatamente non troppe! Ho anche avuto grandi amici nella 250.

Sarà dura vincere in MotoGP, e dopo cosi tante vittorie in 250cc come reagirai?
Beh non mi aspetto di vincere delle gare il prossimo anno. Penserò solo a divertirmi sapendo che sarà sempre dura entrare nelle prime otto posizioni. Se pensi ai piloti con cui dovrò lottare il prossimo anno, da Shinya Nakano a Valentino Rossi, tutti sono saliti sul podio e hanno vinto delle gare. Ci sono cinque o sei Campioni del Mondo in MotoGP, quindi batterli non sarà cosi facile.

Pensi ci sarà più pressione su di te che su Casey Stoner visto che nel suo secondo anno ha vinto ben dieci gare diventando Campione del Mondo?
Sono già stato abbastanza fortunato nella mia carriera aggiudicandomi dei bei record, soprattutto quando ero ancora più giovane. Il più giovane pilota a vincere la Coppa Aprilia, il pilota più giovane nel Campionato del Mondo, uno dei più giovani a vincere una gara, uno dei più giovani nella 250cc. Ma poi capisci subito che quello che conta di più è che i tifosi ti ammirano e ti stanno sempre vicino. Vincere è importante, ma senza i tifosi non ti senti nessuno.

Penso di aver fatto molto bene nella 250, ma naturalmente il livello della MotoGP è più alto e non ci sono ancora abituato. Ho bisogno di lavorare sodo per diventare un pilota competitivo in MotoGP e sto per iniziare solo ora.

Quali sono i tuoi pensieri nel dividere il box con Valentino Rossi?
Beh, ognuno ha il proprio lavoro da fare. Staremo bene insieme.

Pensi ci sia molta attenzione nella battaglia tra te e Dani Pedrosa? Sei preoccupato che questo causi una divisione tra i tifosi spagnoli?
Questo sarà una cosa bella secondo il mio punto di vista. Se i tifosi saranno divisi tra me e Dani Pedrosa, in maniera amichevole naturalmente, sarà sicuramente positivo per la MotoGP.

Su cosa devi lavorare per diventare un pilota di successo della MotoGP?
Ho bisogno di conoscere la moto e sapere come lavorano in Yamaha. Devo conoscere i pneumatici e quanto posso spingere. Ho solo bisogno di esperienza e un po' di fortuna.

Lorenzo ha dichiarato che dopo la conferenza stampa si sarebbe recato nella capitale di Maiora, Palma, dove sarà ricevuto ufficialmente da una delegazione del governo locale.

Tags:
250cc, 2007, POLINI MALAYSIAN MOTORCYCLE GRAND PRIX, Jorge Lorenzo

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›