Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La reazioni dei piloti dopo il test notturno in Qatar

La reazioni dei piloti dopo il test notturno in Qatar

Ieri sera una selezione di piloti della MotoGP hanno provato la pista del Qatar dove si correrà in notturna il prossimo 9 di marzo nella gara d'apertura della stagione MotoGP 2008. Il test ha confermato la possibilità di correre con illuminazione artificiale a Losail e il successo dell'ambizioso progetto porterà alla storia il Commercialbank Grand Prix del Qatar.

Ieri sera una selezione di piloti della MotoGP hanno provato la pista del Qatar dove si correrà in notturna il prossimo 9 di marzo nella gara d'apertura della stagione MotoGP 2008. Il test ha confermato la possibilità di correre con illuminazione artificiale a Losail e il successo dell'ambizioso progetto porterà alla storia il Commercialbank Grand Prix del Qatar.

Il presidente della Dorna Carmelo Ezpeleta si è diretto in Qatar per controllare l'evento, ed ha confermato che le tre curve dove si ha provato hanno dato un risultato positivo. Ha inoltre confermato che sia la gara che il test invernale saranno svolti di notte.

"Quando abbiamo ipotizzato questa idea la prima cosa che abbiamo considerato era la sicurezza dei piloti," ha spiegato Ezpeleta. "La mia prima impressione è buona, ma quella dei piloti è più importante. Loro credono che è sicuro, e questa è una buona notizia perché significa che il progetto può andare avanti. Il test prima della Gran Premio verrà svolto di sera, proprio come la gara."

Dei piloti presenti, in rappresentanza della Suzuki, Loris Capirossi era l'unico pilota ad avere già provato dopo il tramonto. L'italiano aveva preso parte ad una prova simile nel 2006, ed ha notato molti miglioramenti da parte della Musco lighting system.

"La prima volta che ho provato a guidare allo scuro, nel 2006, era molto brutto per le ombre," ha detto il veterano. "Con il 60% di illuminazione è possibile guidare ma un pò complicato, ma non penso ci siano problemi a guidare di notte qui."

Il pilota della Kawasaki Anthony West ha inoltre notato la differenza dall'illuminazione Musco e quella normale, dicendo che "Dove vi era la luce normale c'erano troppe ombre, ma nella nuova sezione con le luci più forti non c'era alcun problema."

"E' stato un onore essere qui per la prima volta di notte, e ne sono rimasto impressionato; mi aspettavo molte più difficoltà," ha aggiunto Marco Melandri, che ha finito al secondo posto nella prima gara in Qatar nel 2005. "E' una buona prima impressione, e non vedo l'ora di poter guidare qui la mia moto MotoGP e vedere come andrà la gara."

Il nuovo pilota della MotoGP James Toseland si è unito al gruppo elogiando il progetto. Ha guidato in passato su questo circuito in Superbike e conosce bene la pista ed è rimasto impressionato dall'illuminazione nelle tre curve.

"Hanno fatto un grande lavoro. La pista è completamente illuminata ed è quasi come se fosse giorno. Quando eravamo vicini era molto sicuro sorpassarsi."

Bob Crookham, in rappresentanza della compagnia Musco lighting, aveva previsto la risposta positiva ma è rimasto comunque felice dei loro commenti.

"Eravamo abbastanza fiduciosi della reazione dei piloti, ma naturalmente sentirlo dire dalle loro voci è sempre buono," ha detto Crookham. "Abbiamo provato le luci al 30% e al 60% e i piloti hanno detto che non c'era differenza."

Tags:
MotoGP, 2007

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›