Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Le tabelle dei tempi fanno migliorare la Michelin

Le tabelle dei tempi fanno migliorare la Michelin

La reazione della Michelin nelle manifestazioni ufficiali del MotoGP sono iniziate durante la visita di tre giorni della prima categoria a Jerez, anche se il produttore francese di pneumatici non è riuscito a battere Casey Stoner e la sua Ducati Desmosedici GP8 con gomme Bridgestone nello shootout del trofeo BMW M.

La reazione della Michelin nelle manifestazioni ufficiali del MotoGP sono iniziate durante la visita di tre giorni della prima categoria a Jerez, anche se il produttore francese di pneumatici non è riuscito a battere Casey Stoner e la sua Ducati Desmosedici GP8 con gomme Bridgestone nello shootout del trofeo BMW M.

Le due sessioni piene completate la scorsa domenica e lo scroso lunedi hanno segnato un vantaggio incoraggiante alla Michelin nelle tabelle dei tempi, con I primi cinque e I primi quattro tempi nei rispettivi giorni registrati da piloti con gomme del produttore francese. In testa a questa lista in entrambi i giorni c'era Nicky Hayden, affezionato da tempo alle gomme Michelin, con la sua Honda RC212V. Tutto ciò è conferma del fatto che le gomme da qualifica della Michelin sono tuttora una potenza da riconoscere.

Mentre tutti si potevano aspettare dei giri veloci del campione mondiale di MotoGP del 2006, il direttore delle gare motociclistiche Jean-Philippe Weber era particolarmente soddisfatto dalla combinazione di varie esperienze nel processo di sviluppo.

"Dobbiamo sviluppare le gomme basandoci sui problemi che abbiamo dovuto affrontare l'anno scorso: il lavoro sta procedendo bene, ma vediamo già che c'è un elevato livello di competizione" ha dichiarato il belga riferendosi alla stagione da incubo del 2007.

"La Michelin sta lavorando sodo da una parte, ma dall'altra abbiamo anche sette piloti e tutti sono in grado di correre molto veloce".

"Abbiamo piloti con molta esperienza del calibro di Colin Edwards, Nicky Hayden e Dani Pedrosa e adesso abbiamo anche i migliori dilettanti (Jorge Lorenzo, James Toseland e Andrea Dovizioso). Anche Randy de Puniet ha corso bene a Jerez e siamo tutti molto motivati".

Tags:
MotoGP, 2008

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›