Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Weber parla della sfida Michelin

Weber parla della sfida Michelin

Dopo una fruttuosa visita al Circuito Internazionale di Losail alla fine della scorsa settimana, le Michelin sono pronte per la stagione ormai alle porte che si aprirà proprio col Commercialbank Grand Prix of Qatar

Dopo una fruttuosa visita al Circuito Internazionale di Losail alla fine della scorsa settimana, le Michelin sono pronte per la stagione ormai alle porte che si aprirà proprio col Commercialbank Grand Prix of Qatar.

La storica gara sotto i riflettori vedrà assolute protagoniste le case costruttrici di gomme, alle prese con specifici aggiustamenti a causa delle basse temperature del tracciato.

Mentre un incessante periodo di test invernali ha visto l'assenza quasi totale di Dani Pedrosa (Repsol Honda) per un infortunio, gli altri piloti gommati Michelin nel Campionato del Mondo 2008 - Randy de Puniet (Honda LCR), Colin Edwards (Tech3 Yamaha) e Nicky Hayden (Repsol Honda) – hanno tutti mostrato segnali positivi.

La casa francese ha ridotto il suo gruppo di piloti quest'anno, ma con i nuovi arrivati Andrea Dovizioso (JiR Team Scot), Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha) e James Toseland (Tech3 Yamaha) le cose potrebbero diventare più interessanti del previsto. Soprattutto dando un occhiata ai tempi degli ultimi test notturni di giovedi e venerdi sotto i riflettori di Losail.

Michelin sta facendo un grande sforzo per essere ancora più competitiva questa stagione avendo focalizzato l'attenzione sul riscaldamento, le oscillazioni, il grip e la trazione durante tutto l'inverno. La casa fornirà due profili differenti di gomme anteriori (entrambe di 16 pollici) e una scelta tra 16 e 16,5 pollici per quanto riguarda la gomme posteriori.

Avendo vinto 3 dei 4 appuntamenti MotoGP in Qatar c'è la consapevolezza di poter fare bene anche questa volta, sebbene le condizioni inusuali siano un fattore molto rilevante questa volta.

Ecco quello che ha detto il direttore Michelin Motorcycle racing, Jean- Philippe Weber: "Dal punto di vista delle gomme la gara notturna è una variabile notevole. Durante il giorno il tracciato può toccare temperature elevatissime, ma durante la notte può fare altettanto freddo. Questo in teoria dovrebbe danneggiare meno le gomme, ma non significa che sia un vantaggio per noi".

"Dobbiamo lavorare in condizioni totalmentte differenti e come sempre il nostro lavoro sarà concentrato perchè le gomme rendano al meglio," ha continuato Weber. "La pista sarà molto fredda, quindi il riscaldamento delle gomme sarà fondamentale. Non di meno la temperatura della pista andrà abbassandosi gradualmente, il contrario di quello che succede abitualmente.

"Non bastasse, c'e' anche il vento da considerare e la sabbia che porta con se. Senza dimenticare l'umidità. Sarà un fine settimana complicato per noi."

Tags:
MotoGP, 2008, Commercialbank GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›