Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Schwantz vuole tornare nella MotoGP, Suzuki in pole

Schwantz vuole tornare nella MotoGP, Suzuki in pole

L'ex Campione del Mondo Kevin Schwantz, attualmente coach della Red Bull AMA U.S. Rookies Cup, ha dichiarato che sarebbe un onore far parte del progetto Suzuki per il 2009.

Kevin Schwantz, leggenda della MotoGP e Campione del Mondo nel 1993 classe 500, ha parlato con motogp.com riguardo le sue ambizioni che lo vedrebbero tornare nel paddock del campionato del mondo la prossima stagione, in un ruolo nel team ufficiale Suzuki o in una scuderia satellite con il suo connazionale Ben Spies con una moto della casa giapponese.

Schwantz sta attualmente formando giovani talenti nella Red Bull AMA U.S. Rookies Cup, ma ha ammesso che sarebbe fantastico poter tornare in MotoGP iin un ruolo manageriale con la casa in cui ha passato la sua intera carriera. Il 43enne americano crede anche che il due volte campione AMA Superbike Spies potrebbe essere un'altra arma importante al servizio di Suzuki.

`Tutti dovrebbero sapere che il mio cuore è in MotoGP,´ ha detto Schwantz. `Li ho trascorso gran parte della mia carriera e dove ho i miei più cari fans. Sarebbe un sogno poter tornare ad aiutare Suzuki´

Avendo precedentemente lavorato con Suzuki nel Campionato del Mondo con un ruolo di consulenza, Schwantz vorrebbe rientrare alla base per mettere la sua esperienza a disposizione.

`Qualunque cosa abbia in mente Suzuki io sono più che motivato a lavorare con loro,´ha continuato. `Spero di sapere qualcosa in più, ma non so quanto ci vorrà per avere notizie più precise´.

Sulle qualità della star americana Spies, Schwants ha commentato: `Ben ha fatto rumore quando si è saputo che il prossimo anno si sarebbe mosso per correre in MotoGP´.

`Proverà la moto ad Indianapolis, e correrà a Laguna Seca e a Indianapolis. Forse correrà qualche gara quando si chiuderà la stagione americana. Per me Ben potrebbe essere una cosa molto positiva per la Suzuki´.

Schwantz sta già aiutando la crescita di giovani piloti del nord e del sud america con la Red Bull AMA U.S. Rookies Cup, `La mia esperienza con i rookie sta dando i suoi frutti. I piloti sono molto bravi, anche come persone. Alcuni di loro non hanno grande esperienza con le corse, ma tutti sono capaci di ascoltare e apprendere´.

Tags:
MotoGP, 2008

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›