Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La pioggia di Shanghai mette in difficoltà Bridgestone e Michelin

La pioggia di Shanghai mette in difficoltà Bridgestone e Michelin

L'arrivo della pioggia sul Circuito Internazionale di Shanghai ha complicato la scelta delle gomme per la gara di MotoGP per i fabbricanti di pneumatici.

Dopo due giorni di prove sotto un sole cocente, l'acqua caduta nelle prime ore della domenica sono diventate più di un problema per Bridgestone e Michelin.

La maggioranza dei piloti hanno optato per uno pneumatico più morbido per contrastare l'umidità della pista, anche se il fatto che abbia smesso di piovere e la pista che via via andava asciugandosi non hanno appoggiato in pieno questa scelta.

Tanto Casey Stoner come Andrea Dovizioso hanno ammesso domenica che la decisione di montare gomme morbide non è stata quella più adatta, e per questo sono stati obbligati a diminuire il ritmo nell'ultima parte della gara. Al contrario, Valentino Rossi esultava per una scelta che gli permetteva di agguantare la prima vittoria della stagione con Bridgestone.

`La scelta delle gomme non è stata facile, la pioggia caduta durante la mattina ha lasciato la pista molto più fredda di qualunque altro momento del fine settimana, pero' i risultati di alcuni piloti Bridgestone sono stati impressionanti nonostante le condizioni´, segnala Hirohide Hamashima, responsabile dello sviluppo delle gomme da competizione Bridgestone.

`I nostri ingegneri hanno dovuto preparare più pneumatici a causa del cambio di temperatura e hanno fatto un lavoro eccellente,´ha aggiunto.

Rossi ha mostrato un ritmo costante durante tutta la gara e nel fine settimana intero. Come Stoner,l' italiano ha selezionato una `slick´ media sia davanti che dietro. Da parte sua, Dani Pedrosa non ha cambiato i suoi piani nella scelta delle gomme Michelin per la gara. Ha optato per lo stesso tipo di pneumatici che aveva utilizzato il sabato e con quelli `eriuscito a salire nuovamente sul podio.

`Eravamo evidentemente preoccupati per il meteo, la pioggia era più che una possibilità in gara´, ha detto Jean-Phillipe Weber, direttore delle competizioni di Michelin. `Per fortuna non è successo, a parte qualche goccia, ma le temperature della pista erano molto più fredde´.

`La domenica, la temperatura della pista era di 25 gradi, mentre quella del sabato er di 48 gradi. Per la gara, Dani ha scelto gli stessi pneumatici del sabato. Era più veloce all'inizio, e poi è stato capace di tenere i tempi di Rossi, che dimostra che le nostre gomme sono performanti anche a basse temperature´.

Dei 4 vincitori delle prime 4 gare, due sono di Bridgestone (Stoner e Rossi) e due di Michelin (Pedrosa e Jorge Lorenzo).

Tags:
MotoGP, 2008

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›