Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Michelin ci mostra la chiave per il successo al Sachsenring

Michelin ci mostra la chiave per il successo al Sachsenring

La casa produttrice più vincente al Sachsenring nella classe regina, Michelin vede nel grip della parte sinistra delle gomme come punto cruciale per la loro visita in Germania.

Mentre Le Mans è la pista di casa per Michelin a livello geografico, il Sachsenring è senza dubbio il tracciato dove Michelin ha letteralmente dominato da sempre. I rivali di Bridgestone hanno conquistato un solo podio sul circuito tedesco (con Capirossi lo scorso anno) mentre Michelin stravinceva con Rossi e Pedrosa nei recenti anni.

Michelin ha quindi le idee chiare riguardo come muoversi sul circuito del Sachsenring, con il grip della parte sinistra delle gomme come obiettivo chiave per il successo.

`Il Sachsenring non è particolarmente abrasivo ma richiede alte performance soprattutto sulla parte sinistra della gomma posteriore,´ dice Jean-Philippe Weber, responsabile delle corse motociclistiche di Michelin. `La principale caratteristica del tracciato è la mancanza di simmetria, con la parte sinistra della gomma che è messa a dura prova. È proprio qui che dobbiamo lavorare maggiormente. Il disegno della pista è inoltre molto ondulato, quindi le gomme anteriori subiscono parecchio stress nelle sezioni di discesa.

`Al Sachsenring la parte sinistra delle gomme avrà bisogno di componenti più dure rispetto a quelle utilizzate ad Assen e Donington, simili a quelle utilizzate in Catalogna´.

Sebbene le temperature della pista possono superare i 50C il riscaldamento delle gomme rimane un aspetto fondamentale. Weber non si attende problemi da questo punto di vista.

`Il riscaldamento della parte destra è importante al Sachsenring perchè non ci sono molte curve a destra. Ma su questo non incontreremo problemi visto che anche ad Assen abbiamo utilizzato pneumatici abbastanza duri in gara perchè volevamo essere competitivi sempre. Alla fine probabilmente la scelta giusta è stata quella di montare pneumatici più soffici come ha fatto Edwards.

`Se vuoi grip vuoi gomme morbide, se cerchi consistenza hai bisogno di gomme più dure, quindi dovremo trovare il miglior equilibrio. Ora stiamo sviluppando molto componenti dure che possano correre molto velocemente. Principalmente è una sfida chimica, ma tutto il resto è comunque importante.

Tags:
MotoGP, 2008, ALICE MOTORRAD GRAND PRIX DEUTSCHLAND

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›