Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Michelin pianifica un rientro in grande stile dopo gli errori a Laguna

Michelin pianifica un rientro in grande stile dopo gli errori a Laguna

Dopo aver ammesso gli errori sulla scelta delle gomme per il Red Bull U.S. Grand Prix, Michelin sta pianificando intensivi test e sviluppo per la seconda parte della stagione.

Michelin paga un conto salato anche nel Red Bull U.S. Grand Prix, ammettendo gli errori basati sui dati delle alte temperature che avevano caratterizzato il fine settimana californiano nel 2007. La casa francese ha dovuto stare a guardare un altro podio tutto Bridgestone, e ora prepara la controffensiva per la seconda parte della stagione.

`Il punto di partenza delle nostre difficoltà è stato dovuto ai problemi che avevamo avuto qui lo scorso anno, quando la pista era più aggressiva e le temperature ben più elevate di quello che ci aspettavamo,´ ha detto Jean-Philippe Weber, responsabile Michelin delle corse motociclistiche, spiegando poi la strategia del `dopo Laguna Seca´.

`Quest'anno la pista era molto meno aggressiva. Anche le temperature erano minori. Siamo stati troppo fedeli ai dati dello scorso anno, e avevamo gomme troppo dure, con performance più basse. I nostri piloti hanno dovuto faticare parecchio soprattutto in qualifica´.

`Da ora lavoreremo ancor più in collaborazione con i team. Per esempio, Colin Edwards aveva richiesto alcune anteriori per la gara che aveva già usato. Avrebbe potuto usare quelle gomme li, e sarebbe stato ok. Ovviamente non siamo contenti del tempi sul giro dei nostri piloti, perchè non avevano abbastanza grip´.

Il processo di recupero passa ora da una serie di test e sviluppo come ha indicato il direttore delle competizioni Michelin Frederic Henry-Biabaud.

`Non volevamo gli stessi problemi dello scorso ano, quindi avevamo raccomandato una linea ristretta di gomme per i nostri team. È stato un errore da cui sapremo venir fuori. Nelle prossime tre settimane ci svilupperemo in due direzioni. In primo luogo organizzeremo test in alcuni circuiti; in secondo luogocontinueremo a sviluppare nuove soluzioni che stiamo già vagliando e che proporremo ai nostri team per le prossime gare,´ ha detto il francese.

Tags:
MotoGP, 2008

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›