Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Schwantz stregato dal circuito di Indianapolis

Schwantz stregato dal circuito di Indianapolis

L'ex Campione del Mondo 500 Kevin Schwantz era presente sul circuito che ha ospitato i primi test MotoGP in questi giorni, ed è rimasto impressionato dal lavoro svolto sullo storico tracciato.

Erano sette i rappresentanti della MotoGP presenti in pista sull'Indianapolis Motor Speedway questa settimana, l'obiettivo era quello di saggiare l'asfalto dell'ultimo circuito giunto nel calendario del Campionato del Mondo e raccogliere dati fondamentali per il Gran Premio Red Bull di Indianapolis. Intanto l'ex Campione del Mondo Kevin Schwantz che era presente come mentore di Ben Spies ha rilasciato le sue prime impressioni sul Motor Speedway.

`Penso che sia un grande tracciato, e per il pubblico che potrà vedere 125, 250 e MotoGP sarà un spettacolo incredibile,´ ha detto l'americano nella conferenza di `MotoGP 101´ mercoledi.

Il Campione del Mondo del 1993 era inizialmente scettico riguardo la possibilità di correre con le 800 in un circuito che presentasse un ovale. Nonostante le difficoltà del progetto, Schwantz ha avuto solo parole d'elogio per i lavori effettuati sul leggendaio circuito.

`Parlando di gare all'interno dell'ovale o di uno speedway non sono mai molto indicate per una gara di moto, ma qui hanno fatto un lavoro fantastico espanendo tutte il tracciato e senza taglaire curve. Diventerà l'evento più attrattivo degli Stati Uniti´.

Il rettilineo, uno dei più lunghi del calendario e che praticamente si affronta da fermo salendo dalla prima alla sesta marcia, sarà sicuramente oggetto di attenzione nel Gran Premio Red Bull di Indianapolis. Interrogato sul punto migliore per i sorpassi, Schwantz ha identificato senza dubbi la prima curva.

`L'entrata nella prima curva sembra essere un punto davvero interessante per i sorpassi, dove i piloti non devono necessariamente allungare la frenata, ma semplicemente scegliere una linea differente,´ ha analizzato.

`Il pilota dovrà poi chiudere la traiettoria prima della curva a destra che arriva. Non dico che sia impossibile farlo, ma ci vuole coraggio´.

Spies sarà uno dei coraggiosi presenti il 14 settembre, quando Schwantz sarà nuovamente sul circuito nel box della Rizla Suzuki. L'americano si fermerà ad Indianapolis per assistere alla prima sessione della Red Bull AMA Rookies Cup, prevista per oggi.

Tags:
MotoGP, 2008, Kevin Schwantz

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›