Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Il presidente dell'IRTA Poncharal sulle prospettive MotoGP

Il presidente dell'IRTA Poncharal sulle prospettive MotoGP

Il presidente dell'IRTA e team manager della Tech 3 Yamaha Herve Poncharal si aspetta che la MotoGP ritrovi energie ed esca dalla crisi economica attuale più forte e con un campionato più competitivo.

Nel suo doppio ruolo di leader della Tech 3 Yamaha e di presidente dell'IRTA (International Road-Racing Teams Association) Herve Poncharal vanta un punto di vista unico sul Campionato del Mondo MotoGP.

Con due decenni alle spalle di management nelle competizioni, Poncharal ha portato il suo team alla quarta posizione in classifica lo scorso anno, chiudendo il 2008 come miglior team satellite.

Nella classe regina fin dal 2001, Poncharal presiede anche la commissione Grand Prix con il ruolo di capo dell'IRTA, che al fianco di Carmelo Ezpeleta (Dorna CEO), Claude Danis (FIM), e Takanao Tsubouchi (MSMA), contribuisce alla formazione dei regolamenti del campionato, in particolare a livello di sicurezza.

Con la crisi economica che ha ovviamente toccato anche il mondo delle due ruote, la Commissione Grand Prix ha messo in atto lo scorso anno un significativo cambio, portando nella classe regina la monogomma, sia per ragioni di sicurezza sia per poter tagliare i costi. NOn a caso, anche il numero dei test è stato diminuito.

La MotoGP e il Campionato del Mondo ad essa associato rimangono in buona salute nonostante tutto, con ulteriori misure che verranno presto adottate per continuare su questa linea di riduzione dei costi. Un esempio, il cambio della classe 250 che nel 2011 diventerà Moto2.

Poncharal ha preso parte a tutte queste decisioni e ai microfoni di motogp.com ha dichiarato: `Al momento c'è molto materiale su cui ragionare, e molti appuntamenti con le case costruttrici. Sono rimasto impressionato dai risultati degli incontri di gennaio in Giappone. Ho visto il risultato di alcune idee che non erano nemmeno immaginabili fino a 4 mesi fa, e questo è il risultato della crisi economica. Tutte queste idee faranno bene al Campionato del Mondo´.

`La prossima settimana in Italia incontreremo i team privati, e insieme al signor Ezpeleta vedremo il da farsi insieme. È come se Dorna, IRTA, la FIM e MSMA vogliano vedere le cose cambiare. Abbiamo bisogno di ridurre i costi´.

Realistico quanto ottimista, Poncharal è chiaro nella sua visione della situazione attuale: `C'è una crisi economica fortissima e non c'è ragione al mondo perché noi non dobvremmo esserne influenzati. Viviamo di sponsor e i nostri patner devono guardare ai loro businesses. Dobbiamo condividere i loro problemi e se i loro introiti calano del 20/30%, allora i loro investimenti saranno minori´.

`Ho letto molte cose negative attraverso i media. Posso dire che continueremo a correre. Dorna, proprietaria e promotrice del campionato, è assolutamente appassionata del proprio prodotto, è questa è una gran fortuna. So che il signor Ezpeleta attende con impazienza il Campionato 2009. Ovviamente ci sono cose che vanno cambiate, il mondo sta cambiando e MotoGP deve adeguarsi. Dobbiamo sfruttare questa situazione per cambiare ed essere pronti per il futuro. Dobbiamo uscire da questa crisi più forti e competitivi´.

Ad ogni modo non è stato semplice per Poncharal trovare un title sponsorship per il suo team, nonostante la grande stagione 2008 e il team, ma il francese si dimostra filosofico da questo punto di vista: `Le case produttrici di tabacco non sono più cosi presenti come un tempo, e ora è più difficile trovare grandi sponsor. Noi dobbiamo pensare a come essere più competitivi abbassando i costi. È una sfida molto eccitante. Personalmente sono uno che guarda sempre le cose dal lato positivo. Non mi vedrete mai disperarmi´.

Il francese è convinto che la MotoGP stia cambiando faccia velocemente, grazie anche alla collaborazione tra organizzatori e team, uniti per il futuro di questo sport.

`Siamo in un mondo che cambia velocemente, e credo sia una buona opportunità per la MotoGP, per ristrutturarsi,´ ha aggiunto. `Sonop quasi sicuro che presto, nella prima parte del 2009 vedremo nuove misure ufficiali per il 2010 che renderanno ancora più emozionante e attrattivo il nostro sport. È questo il nostro obiettivo´.

`Se riusciamo a risparmiare mantenendo il livello attuale, ovvero con la MotoGP che continua ad essere il Campionato su due ruote per eccellenza, ce la faremo. Siamo ottimisti´.

Tags:
MotoGP, 2008

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›