Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Romagnoli: `Più pressione per Jorge quest'anno´

Romagnoli: `Più pressione per Jorge quest'anno´

Il team manager della Fiat Yamaha Daniele Romagnoli si confessa in un'intervista sulle speranze e le difficoltà che attendono il suo pilota nella seconda stagione in MotoGP.

Tutto è pronto per fare sul serio con i test di Sepang del 5 febbraio, e Jorge Lorenzo si prepara a provare per la prima volta il prototipo Fiat Yamaha 2009 proprio tra qualche giorno. Dopo essere stato eletto Rookie dell'anno nel 2008, molti si attendono grandi cose nella stagione in arrivo, da un pilota che ha già mostrato tanto nel scorso campionato.

`Sicuramente Jorge quest’anno avrà più pressione dell’anno scorso, perché venendo da una stagione eccezionale come quella del 2008 dovrà dimostrare di essere maturato, di essere migliorato,´ ha dichiarato il suo team manager Daniele Romagnoli.

`Soprattutto sarà molto importante per lui gestire meglio sia le prove che le gare perché nel 2008 il desiderio di essere sempre più veloce l’ha portato a commettere degli errori, soprattutto in prova. Nonostante tutto, l’esperienza di questa stagione l’ha rafforzato tantissimo mentalmente e credo che riuscirà anche a sopportare questa pressione molto meglio dell’anno passato´.

Jorge Lorenzo è quindì chiamato a tornare sul primo gradino del podio, come ha fatto ad Estoril nel 2008, e a giocarsi le sue speranze di titolo. Speranze che per Romagnoli non sono poi così velate:

`Credo che Jorge si trovi nella condizione di poter vincere delle gare ed ottenere diversi podi, l’ha già dimostrato l’anno scorso. Naturalmente non sarà facile ottenere questo in tutte le gare. Il campionato sarà veramente molto combattuto e la vittoria finale sarà molto difficile. E’ presto per dirlo, ma penso che Jorge abbia comunque le possibilità per poter lottare per questo obiettivo´.

Come molti nel paddock, anche il team manager Fiat Yamaha si è fatto un'idea sulla crisi economica ed è consapevole di quanto sia fondamentale la riduzione dei costi per il proseguo del Campionato e dello spettacolo. Romagnoli non disdegna così qualche consiglio alla federazione.

`Innanzitutto ridurrei il numero dei test invernali, ad esempio eliminando il test di Jerez di novembre oppure i test di marzo; invertirei Jerez con Doha, per avere l’ultimo test e la prima gara nello stesso posto. Logisticamente sarebbe un costo minore, mantenendo tutto il materiale nello stesso posto´.

Allo stesso tempo si dovrebbe intervenire anche sulla parte tecnica. Il componente più costoso della moto è il motore, inteso come componentistica e come ricerca. Semplicemente proporrei di ridurre drasticamente il numero massimo di giri motore, portandolo ad esempio a 16 mila giri. I vantaggi sarebbero una vita del motore superiore e la possibilità di utilizzare materiali meno pregiati e meno costosi e contemporaneamente lavorazioni molto più economiche´.

Tags:
MotoGP, 2009, Fiat Yamaha Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›