Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Cecchinello positivo sulle modifiche 2009

Cecchinello positivo sulle modifiche 2009

Il boss della LCR Honda Lucio Cecchinello ha accolto con soddisfazione le modifiche di riduzione dei costi annunciate ieri per la MotoGP.

La stagione non è ancora iniziata, ma per Lucio Cecchinello e la LCR Honda è già tempo di riflessioni sul 2009. Gli argomenti: le modifiche per la riduzione dei costi decise ieri dalla Commissione Grand Prix, il primo test di Sepang, la possibile riduzione di potenza del motore da parte di Honda e i test di inizio marzo in Qatar.

Come principale di un team indipendente, Cecchinello ha avuto sensazioni positive riguardo i cambi apportati al regolamento del Campionato del Mondo:

'Al momento nessuno conosce esattamente quali saranno gli effetti di riduzione dei costi, ma ora avremo meno motori da mantenere e ci saranno minori consumi di gomme e carburante. Altro punto sarà il fatto di stare meno tempo in pista, e ciò significa anche che diminuirè il numero delle cadute'.

'Ciò poterbbe rappresentare un'àncora di salvezza per il nostro budget, perchè ogni volta che cadi in MotoGP puoi danneggiare parti molto costose,' ha continuato.

'Per la MotoGP quello che abbiamo deciso rappresenta un gran passo in avanti, per team ufficiali e indipendenti. Ciò che è di fondamentale importanza è che management si dimostri sempre all'altezza e che il Campionato del Mondo continui a crescere nel mondo. Sono molto positivo per le decisioni attuate che non diminuiranno lo spettacolo del sabato e della domenica'.

Cecchinello ha poi rivolto la sua attenzione agli ultimi test in Malesia, dove il suo pilota Randy de Puniet è rimasto fuori dalla top ten con la nuova RC212V. Il motore per altro è stato limitato secondo i nuovi standard Honda, per ragioni che l'italiano definisce di sicurezza'.

'La priorità degli ingegneri Honda è garantire la sicurezza è la durata dei motori, per questo hanno bisogno di tempo prima di poterci confermare la durabilità del motore con questa limitazione sul numero di giri. Riceveremo presto una revisione dei motori, con limiti minori. Questa limitazione è temporanea e avremo sicuramente delle migliorie durante la stagione'.

L'ex pilota 125 ha poi aggiunto, 'In più, quando gli ingegneri hanno inserito il limite di giri al motore, hanno d'altra parte riprogrammato l'ECU in modo da recuperare la potenza persa con il motore a medio o basso regime. Questo non significa automaticamente che se perdi 300 o 400 giri la moto perderà velocità in pista. In alcuni momenti è addirittura più performante avere un motore con 300 o 400 giri in meno'.

'Non credo ci sia nulla di sbagliato nell'abbassare il numero di giri. Certo ci sono piste molto veloci dove sarà uno svantaggio, ma il motore in queste condizioni potrebbe invece aiutare su tracciati più tecnici come Jerez'.

Infine uno sguardo ai test di Qatar del 1 di marzo, con Cecchinello che chiude così la sua intervista con motogp.com: 'Abbiamo molti dati da studiare e continueremo a lavorare sotto questo punto di vista in questa settimana. Avremo molto da fare in Qatar, capire dove possiamo migliorare e fare cambi nella posizione del pilota'.

Tags:
MotoGP, 2009, LCR Honda MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›