Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Bridgestone accelera lo sviluppo delle gomme a Losail

Bridgestone accelera lo sviluppo delle gomme a Losail

La casa giapponese continua il lavoro sugli pneumatici in preparazione della stagione in arrivo e non solo...

Il penultimo test prestagionale del 2009, presso il circuito internazionale di Losail, ha fornito a Bridgestone la possibilità di finalizzare la preparazione per l'inizio del Campionato di scena proprio in Qatar nel fine settimana del 10/12 aprile, con la casa giapponese che guarda anche al 2010.

Le curiose condizioni atmosferiche dei test di Qatar hanno dato l'opportunità a Bridgestone di selezionare componenti soffici e medie, e dimostrare la grande adattabilità dei propri prodotti.

I due ultimi Campioni del Mondo, Casey Stoner e Valentino Rossi, che rispettivamente nel 2007 e 2008 hanno portato sul tetto del mondo la casa giapponese, si sono piazzati in 1ª e 3ª posizione, mentre tra loro si è inserito l'ex pilota Michelin Jorge Lorenzo.

Tohru Ubukata, Manager Bridgestone per lo sviluppo delle gomme da gara, riassumendo il test, ha dichiarato: “La risposta dei piloti per tutto l'arco del test è stata positiva nonostante le condizioni difficili. La pista era abbastanza sporca e all'inizio abbiamo sofferto un po' con le componenti morbide, ma le componenti medie sono state sempre performanti”.

Le attenzioni del manager si sono poi spostate sulle recenti modifiche del regolamento: “Il nostro piano di sviluppo è stato necessariamente modificato, e ora il 2010 diventa un punto fondamentale. Ora dobbiamo completare l'80% dello sviluppo per il prossimo anno prima che inizi la stagione, perchè durante ci sarà poco tempo visto la significativa riduzione dei test”.

“I test di Sepang erano stati un successo e qui è andata allo stesso modo. Abbiamo sviluppato componenti morbide e medie per quest'anno e abbiamo continuato a provare nuove componenti per il 2010, con l'obiettivo di fornire ad ogni pilota gomme con il massimo range di operatività possibile”.

Tags:
MotoGP, 2009

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›