Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo: “Sarò sicuramente il 4º incomodo”

Lorenzo: “Sarò sicuramente il 4º incomodo”

Il pilota di Mallorca commenta le sue aspettative nella retta finale della pre stagione, e parla dei rivali e del suo lavoro nel prossimo test di Jerez.

Jorge Lorenzo arriva in piena forma all'ultimo appuntamento pre stagionale 2009. Il pilota delle Baleari ha cambiato la sua preparazione fisica quest'anno, aggiungendo anche qualche disciplina che lo aiuta a distrarsi, tra queste il calcio e il karting. Proprio su una pista di kart a Barcellona, Lorenzo è stato raggiunto dai microfoni di motogp.com.

Come vedi la stagione in arrivo?
“Credo che senza infortuni e senza sfortuna, e se la moto va bene, posso puntare a vincere gare quest'anno, a vincere più di una gara, che è quello che sono riuscito a fare lo scorso anno. Dobbiamo avere una mentalità positiva e puntare a fare meglio del 4º posto finale dello scorso anno”.

Quindì non ti metti tra i favoriti per il titolo?
“Rossi, Stoner e Pedrosa sono i favoriti secondo la stampa, e io penso che siano loro a dover aspirar al titolo, io sarò sicuramente il quarto incomodo”.

Valentino ha recentemente detto che i piloti più giovani prendono troppo seriamente la prepazione fisica...
“Credo che Valentino abbia basato la sua carriera sul talento e sul lavoro, perché è un pilota che sul circuito ci lascia la pelle, lavorando fino a notte fonda. Non so quale sia la sua preparazione fisica, apparentemente non sembra che si sottoponga a qualcosa di bestiale, ma senza dubbio sa quello che si deve fare”.

La prossima settimana c'è il test di Jerez. Quale sarà il tuo piano di lavoro? Proverai a portarti a casa la BMW in premio?
“Per prima cosa andreamo lì a preparare la gara di Jerez e a mettere a punto la moto, e se le condizioni sono quelle giuste proveremo anche a vincere, ma non ci uccideremo per un'auto”.

Nell'ultimo test in Qatar sei giunto secondo durante l'ultima giornata. Sarà un dato da tenere in considerazione in vista della gara d'apertura?
“Lo scorso anno, durante la mia prima gara in MotoGP, riuscì a correre con un ritmo di 1'55 e quest'anno ho fatto 1'56, anche se la pista non era nelle stesse condizioni. Per questo credo che se la pista migliora un po' si può correre ancora in 1'55. Soprattutto ho un grande vantaggio, in gara inizio piano per poi alzare il ritmo, e non è una caratteristica che hanno tutti”.

Si è detto che le modifiche al regolamento e la riduzione delle sessioni di prova potrebbero favorire piloti come Stoner...
“Stoner è un pilota che scende in pista ed è veloce, mentre per noi altri l'approccio è un po' più lento, ma questa modifica si è resa necessaria a causa della crisi, e quindì è giusto accettarla”.

Alcuni piloti, come Stoner e Pedrosa, iniziano il campionato con lesioni o problemi fisici...
“Credo che Stoner non sia infortunato, nel senso che in pista non si nota assolutamente; Pedrosa è una incognita e vedremo in Qatar cosa sudderà... Sicuramente battere Stoner in Qatar sarà difficile, ma lo scorso anno eravamo in condizioni peggiori e alla fine eravamo sul punto di batterlo.

Sulla polemica con Dovizioso, che ha definito Lorenzo un fanfarone.
“Non mi fido molto dei commenti sulla stampa scritta perché qui è facile aggiungere o togliere qualche parola. Sicuramente a Dovizioso non farà piacere stare dietro di me da 3 anni a questa parte, ma non do molta importanza alla cosa”.

Tags:
MotoGP, 2009, Jorge Lorenzo, Fiat Yamaha Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›