Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

L'opinione di Wilco Zeelenberg

L'opinione di Wilco Zeelenberg

Il team manager di Jorge Lorenzo racconta a motogp.com il suo background, e quelli che sono i suoi obiettivi con il pilota spagnolo per la loro prima stagione.

Uno dei volti nuovi nel paddock della MotoGP nella stagione 2010 sarà quello dell'olandese Wilco Zeelenberg, che prenderà il controllo del lato del box di Jorge Lorenzo nel team Fiat Yamaha.

Zeelenberg, un esperto pilota egli stesso, arriva dal team Yamaha Supersport, dove ha vinto il campionato del mondo 2009 con l' inglese Cal Crutchlow. La sua carriera si è allungata nel motomondiale dalla fine degli anni '80 sino al 1994. Wilco ha corso nella classe 250cc, centrando 11 podi e una vittoria: in pratica ha vissuto quasi 10 anni nei Gran Premi.

"E 'stato ovviamente un peccato lasciare la Supersport, ma è una sfida molto attraente lottare nella classe regina del motociclismo, la MotoGP. Jorge è un pilota fantastico e non vedo l'ora di iniziare questa nuova stagione ", ha spiegato Zeelenberg. "E 'sempre stata la pressione a farmi ottenere buoni risultati, e poi sono stato abituato ad averla da quando avevo tre anni, da quando, cioè, ho iniziato a guidare io! Non mi sento sotto pressione. "

Al suo ritorno in scena nell Campionato del mondo come Team Manager, Zeelenberg ha aggiunto: "Ho lasciato questo paddock, forse 15 anni fa e quando sono tornato ho visto molte delle stesse facce nei box, molti li conosco da tempo. Quindi è stato bello tornare. "

Passando ai suoi obiettivi per la prossima stagione con Lorenzo, Zeelenberg ha detto del vicecampione del mondo 2009 della MotoGP: "E ' un giovane molto motivato e concentrato e io credo che sia uno dei suoi grandi vantaggi. Non dobbiamo motivarlo, lui è davvero affamato di vittorie. Credo che le prime tre o quattro gare della stagione saranno molto importanti - bisognerà fare ottime prestazioni e non commettere errori. Valentino è un pilota molto esperto e approfitterà di ogni errore commesso dagli altri. Credo che i ragazzi più giovani spingeranno di più in caso di errore, e al quinto, sesto o settimo round saranno magari propensi a sbagliare ancora di più. Jorge sa che può battere chiunque quando tutto è posto, ma deve anche capire che se non è tutto perfetto per una gara deve essere in grado di rallentare e accontentarsi di un podio ".

Wilco ha poi proseguito: "Penso che Jorge abbia bisogno di qualcuno che creda in lui, perché naturalmente in questa squadra ci sono due buoni piloti. Penso che abbiamo bisogno di concentrarsi su di lui e Jorge dal canto suo deve sapere che ha dieci ragazzi che lavorano interamente per lui. Penso che allora lui sarà in grado di fare il suo lavoro, e che ciò lo aiuterà per tutta la stagione. È necessario fare buone prestazioni quando è il momento giusto, e quando non è tutto 100 % si deve prendere la decisione giusta."

Grazie alla sua profonda conoscenza tecnica, derivata dalla sua precedente esperienza di pilota, Zeelemberg ha dato il suo parere sulla versione 2010 della YZR-M1.

"I penso che poiché la moto di base è molto simile (al 2009), abbiamo un vantaggio. Ogni circuito sul quale arriveremo potremo usare il nostro set-up di base dello scorso anno. Ciò significa che potremo arrivare su un tracciato in cui abbiamo vinto lo scorso anno e cominciare da una buona base, e su una pista dove abbiamo avuto alcuni problemi sapremo come regolarci. "

Concludendo, Zeelenberg ha detto la sua in merito alla nuova regola per quanto riguarda l'impiego di sei motori in tutte le 18 gare del Campionato Mondiale 2010.

"Questa nuova norma dei sei motori è una grande cosa", ha aggiunto. "Tutti si sono veramente concentrati su questo aspetto durante l'inverno, quindi è un segreto dire cosa abbiamo fatto! Ma, naturalmente, è stata la principale priorità per ogni casa. "

Tags:
MotoGP, 2010, Jorge Lorenzo, Fiat Yamaha Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›