Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

L’opinione tecnica di Lucio Cecchinello sulla RC212V

L’opinione tecnica di Lucio Cecchinello sulla RC212V

Il Team Manager del team LCR Honda spiega alcuni dettagli della moto che Randy de Puniet guiderà nel prossimo Campionato del Mondo MotoGP.

La scorsa settimana a Sepang il pilota LCR Honda Randy de Puniet è sceso in pista a Sepang con la versione 2010 della RC212V e, in due giorni di prove, ha raccolto una serie di importanti informazioni.

De Puniet ha impiegato le ore a disposizione per adattarsi alla nuova moto, lavorando su diversi assetti della ciclistica e delle sospensioni e, tra giovedì e venerdì, ha completato 110 giri.

La moto satellite è stata descritta come molto più vicina, rispetto al recente passato, al prototipo ufficiale e le parole di Lucio Cecchinello, team manager del Team LCR Honda, lo confermano.

“E’ una cosa positiva che la Honda abbiamo modificato la sua politica. Abbiamo una moto completamente nuova e dobbiamo lavorare molto perchè è più complicata di quella dell’anno scorso”, ha commentato Cecchinello prima di passare a spiegare le differenze.

“La moto è un’opera d’arte; è studiata in ogni dettaglio e offre molte possibilità di rifinitura. Ha una nuova gestione software per il controllo di trazione e un’altra serie di parametri per il consumo del carburante e altre regolazioni, a loro volta gestite da software molto complessi. Penso che gli ingegneri avranno di che divertirsi!”.

Cecchinello ha poi proseguito: “La moto è diversa anche nelle misure, è più corta e la distribuzione dei pesi è diversa. E’ stato trasferito peso sul posteriore per migliorare la trazione, ed il centro di gravità è più alto. Al momento ci impegna molto per trovare le regolazioni più adatte a Randy”.

Con i prossimi test in programma i prossimi 24-26 febbraio (il primo giorno è per solo per i tester) a Sepang, Cecchinello e la sua squadra hanno di che tenersi ben impegnati.

“Continueremo a lavorare, anche per risolvere I problemi di “chattering” che sono emersi, inaspettatamente, per la prima volta da quando abbiamo la Honda. Per questo ci stiamo dedicando alla rifinitura di varie aree, per preparare il terreno per il prossimo futuro”.

Tags:
MotoGP, 2010, LCR Honda MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›