Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La seconda giovinezza di Roberto Locatelli

La seconda giovinezza di Roberto Locatelli

L'ex Campione del Mondo 125 ha raccontato a motogp.com il suo nuovo ruolo nel team Junior GP.

Abbandonato il mondo delle corse, l'ex Campione del Mondo Roberto Locatelli ha deciso di rimanere nell'ambiente motociclistico con un nuovo incarico. A partire da questa stagione l'italiano sarà infatti il nuovo coordinatore sportivo e tecnico del team Junior GP.

"Devo ringraziare Giampiero Sacchi della Junior GP e Paolo Sesti della Federazione italiana Motociclismo per questo nuovo ruolo che mi hanno voluto come coordinatore sportivo e tecnico per i giovani talenti italiani," ha dichiarato il Campione del Mondo 125 del 2000. "Questa mia nuova esperienza mi permette di continuare a rimanere nel mondo delle due ruote, come consigliere più che come insegnante, ed aiutare così i giovani ad affrontare i problemi che si porranno volta per volta".

"Posso aiutare a livello di visione del tracciato, con traiettorie, linee ideali e eventualmente punti che presentano difetti d'asfalto per esempio. In una parola tanta esperienza delle piste di tutto il mondo, che condividerò con i miei piloti volta per volta con una riunione antecedente alle prove. Sicuramente non insegnerò a nessuno ad andare in moto per il semplice motivo che non ne hanno bisogno".

Saranno Alessandro Tonucci, Luigi Morciano, Armando Pontone e Giovanni Bonati i fortunati piloti con l'occasione di sfruttare l'esperienza di Roberto. Su di loro ecco la prima impressione di Locatelli: "Li ho appena conosciuti, devo dire che sono tutti giovanissimi e con una grande fame e voglia di scoprire le sensazioni delle moto da gran premio. Guardandoli mi ci rivedo ad inizio carriera e sono molto contento di essere al loro fianco per aiutarli".

Infine un commento sul cambio di ruolo, dove Locatelli ci svela un retroscena interessante..."È stata dura, non si vorrebbe mai smettere. Sono pero' cosciente che con la maturità, per non chiamarla vecchiaia, bisogna dare spazio a coloro che hanno meno anni. Ho fatto questa scelta serenamente anche se ammetto che per qualche disguido ho dovuto per forza smettere quando invece avevo pianificato un ultimo anno in Moto2".

L'italiano sarà impegnato nel Campionato Italiano e nell'unica tappa del Campionato europeo con il Junior GP team, ma sarà presente nel paddock del Campionato del mondo in tre o quattro appuntamenti con le wildcard per i suoi piloti sicure al Mugello e Misano e molto probabili in due gare europee.

Tags:
125cc, 2010

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›