Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

I motori Moto2

I motori Moto2

motogp.com ti offre le prime immagini dei motori che equipaggeranno, a partire da oggi, i prototipi della nuova classe del Campionato del Mondo.

I 40 piloti che prenderanno parte al nuovo Campionato del Mondo Moto2 debuttano oggi a Valencia con un nuovo propulsore, il motore Honda 600cc preparato da Geo Technology, consegnato lo scorso sabato a tutti i team iscritti.

Il processo di consegna è avvenuto tramite sorteggio con i responsabili dei team che hanno estratto a sorte i motori a loro assegnati sui 44 che Geo Technology aveva portato a Valencia. La casa svizzera, gestita da Osamu Goto, rispettato ingegnere e disegnatore già agli ordini di Honda e Ferrari in F1, sarà a capo della preparazione e mantenimento dei nuovi motori 600cc Moto2.

Goto ha commentato che nel processo di preparazione dei motori hanno contato nella stessa misura la ricerca della potenza, l'affidabilità e il rendimento stabile, in modo da assicurare una uguaglianza tecnica. “I team possono lavorare sulle regolazioni dell'iniezione, in funzione della presa d'aria o del tubo di scappamento che utilizzino, ma se seguiranno le indicazioni di HRC, le variazioni di potenza tra un motore e l'altro saranno minime,” ha assicurato Goto.

Secondo l'ingegnere giapponese, “i motori verranno revisionati ogni 1500 km, approssimativamente ogni tre gare. Il rendimento dovrà essere stabile durante questo tempo, ma ciò dipenderà anche dalle strategie che utilizzeranno le varie scuderie”.

Per assicurarsi che nessun team cada nella tentazione di manipolare un motore, questi saranno dotati di sigilli, il cui stato verrà controllato dal direttore tecnico del Campionato Mike Webb.

“I quattro sigilli che bloccano l'accesso alle parti essenziali del motore, ci serviranno per una prima revisione superficiale,” ha commentato Webb, “ma avremo anche accesso al sistema di dati, con il quale potremo monitorare tutte le referenze del motore e assicurarci che il rendimento rimanga nei parametri e non venga manipolato”.

Tags:
Moto2, 2010

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›