Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Stoner torna davanti, Rossi e Dovi all'inseguimento

Stoner torna davanti, Rossi e Dovi all'inseguimento

L'australiano della Ducati è il più veloce nonostante la caduta all'altezza della curva 2. Bene Dovizioso, male ancora Pedrosa (11º).

In una sessione in cui le cadute hanno movimentato l'azione tra le curve di Losail, ritrova la vetta della classifica dei tempi Casey Stoner su Ducati Marlboro. Il numero 27, i cui risultati qui parlano per lui, ha chiuso alle 10.00 ora locale con il tempo di 1'55.353, migliorando così il tempo più rapido fino ad ora (di Rossi) di 49 millesimi di secondo e avvicinando la propria pole 2009, ormai a soli 0.067s.

Nell'ordine cadono Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3), Ben Spies (Monster Yamaha Tech3), Casey Stoner (Ducati Marlboro), Nicky Hayden (Ducati Marlboro) e Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini). Per i primi quattro si tratta dello stesso nemico chiamato "curva 2", mentre per l'italiano la curva incriminata è la numero 6.

Alle spalle dell'australiano troviamo Valentino Rossi, a ben 507 millesimi di ritardo. L'italiano è alle prese con il test ad una nuova gomma anteriore Bridgestone e con alcune prove su telaio ed elettronica. Terzo, con un tempo molto simile a quello di Rossi, Andrea Dovizioso su Repsol Honda, ultimo capace di correre sotto l'1'56.

Nicky Hayden continua il processo di adattamento alla nuova Desmosedici GP10 e alle gomme morbide che fino ad ora gli hanno dato qualche problema. Al momento l'americano è quarto a poco più di sette decimi dal compagno di squadra.

Loris Capirossi e Jorge Lorenzo completano la top six. Per il pilota della Rizla Suzuki ancora prove su due diversi telai e su un nuovo forcellone, mentre per lo spagnolo della Fiat Yamaha si sta lavorando quasi esclusivamente sul settaggio per la prima gara della stagione.

Con Randy De Puniet (LCR Honda) e Ben Spies (Monster Yamaha Tech3) costantemente nella top ten, le novità si chiamano Alvaro Bautista e Mika Kallio: da una parte lo spagnolo della Rizla Suzuki sta valutando un nuovo forcellone come il compagno di squadra, dall'altra il finlandese della Pramac Racing si sta concentrando su sospensione posteriore e su nuove mappature del motore.

Nel video allegato alla notizia troverete le prime immagini delle cadute con le moto recuperate e portate ai box e uno speciale sui caschi utilizzati quest'anno dai campioni della classe regina.

Tags:
MotoGP, 2010

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›