Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Tutti all'inseguimento di Rossi

Tutti all'inseguimento di Rossi

Inizia in Qatar la lunga sfida per il titolo 2010. Certezze, rientri, regolamenti aggiornati e tanti volti nuovi per un'altra incredibile annata MotoGP.

La fase di preparazione è stata lunga, seppur con pochi test a disposizione dei piloti, ma ora è finalmente il momento di ritrovare i campioni della classe regina per il primo appuntamento stagionale tra le dune di Losail, Qatar. Per il terzo anno consecutivo saranno i riflettori di questo circuito nel cuore del medio oriente a fare da teatro alla prima MotoGP, che quest'anno presenta la grande novità della limitazione dei motori (sei per tutta la stagione).

Tutti presenti i migliori, a partire, ovviamente, da Valentino Rossi. L'attuale Campione del Mondo, sempre ai comandi della sua M1 Fiat Yamaha proverà ad iniziare la rincorsa al 10º titolo come non gli riesce dal 2005, ovvero vincendo. Il miglior risultato in Qatar è infatti un doppio secondo posto nelle stagioni 2007 e 2009, sempre alle spalle di Casey Stoner (Ducati Marlboro), grande rivale e favoritissimo anche per la gara d'esordio 2010, considerato anche l'ultimo test proprio a Losail.

Se tutta la pre-stagione fa pensare ad un lungo duello Rossi-Stoner, non a caso gli unici a mettere il proprio nome sul Campionato del Mondo negli ultimi tre anni, impossibile dimenticare i pretendenti spagnoli presenti. Su tutti Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha) e Dani Pedrosa (Repsol Honda).

Se per il primo, attuale vice Campione del Mondo, si tratterà più che altro di un controllo sulle proprie condizioni fisiche (il numero 99 si era fratturato una mano appena prima del secondo appuntamento di Sepang), per il secondo sarà una prova fondamentale sull'affidabilità e sulla competitività della propria RC212V, apparsa in difficoltà fino ad ora.

I "fantastici quattro" potrebbero non essere gli unici a correre per la gloria con Andrea Dovizioso (Repsol Honda), Ben Spies (Monster Yamaha Tech3) e Nicky Hayden (Ducati Marlboro) che, viste le prestazioni nelle prove di Losail, sembrano avere piani diversi. L'italiano pare aver trovato maggior equilibrio sulla sua Honda e più fiducia con le sospensioni Ohlins, l'americano da già l'impressione di essere in MotoGP da una vita, mentre il Campione del Mondo 2006 potrebbe aver finalmente trovato la giusta dimensione con la Desmosedici GP10.

Il Qatar sarà l'occasione inoltre di rivedere in azione vecchie volpi della classe regina come Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3) e Loris Capirossi su Rizla Suzuki (per lui 300 GP il prossimo 11 aprile) da una parte, e parecchi volti nuovi dall'altra con altri 5 esordienti di categoria (oltre al già citato Ben Spies): Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), Álvaro Bautista (Rizla Suzuki), Hector Barberá (Paginas Amarillas Ducati), Aleix Espargaró (Pramac Racing) e Hiroshi Aoyama (Interwetten MotoGP Team).

Per chiudere Randy De Puniet (LCR Honda), Mika Kallio (Pramac Racing) e Marco Melandri (San Carlo Gresini) partiranno per dimostrare di poter essere competitivi e giocarsi, magari con gli uomini Tech3, il "titolo" di miglior pilota privato.

Tags:
MotoGP, 2010, COMMERCIALBANK GRAND PRIX OF QATAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›