Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Ezpeleta: “La chiave del successo è la passione”

Ezpeleta: “La chiave del successo è la passione”

In una conferenza tenuta nella prestigiosa scuola di business IESE di Barcellona, il CEO di Dorna Sports ha ripercorso i momenti fondamentali dell'evoluzione della compagnia e del Campionato del Mondo dal 1992 a oggi.

La conferenza tenuta presso l'istituto IESE di Barcellona dal titolo "El negocio en el Deporte Global" (Il business nello sport globale) ha avuto come principale invitato il CEO di Dorna Sports Carmelo Ezpeleta, che ha voluto fare il punto della situazione iniziando con qualche numero a supporto della gestione della sua compagnia dal 1992 a oggi, ovvero da quando Dorna Sports detiene i diritti commerciali del Campionato del Mondo MotoGP.

“Da quando ci siamo noi si sono disputati 281 Gran Premi. Un elemento essenziali per avere successo sono state senza dubbio passione e conoscere il mondo nel quale si lavora. Solo così ci si può sviluppare ed innovare come stiamo facendo”.

In questo senso, Ezpeleta ha continuato, aggiungendo che “la FIM è la proprietaria dei diritti e soprattutto della storia. In tutte le decisioni rimaniamo in contatto con la FIM e i cambiamenti vengono sempre effettuati con il consenso delle parti. Il nostro accordo con la FIM è quello di organizzare le gare e conseguire la massima diffusione televisiva. Per questo abbiamo applicato come criterio la gestione integrale dei diritti commerciali. Forse potremmo ottenere più introiti negoziando i diritti individualmente, ma crediamo che questa sia la via migliore”.

Riguardo l'organizzazione delle gare, il consigliere delegato di Dorna si è soffermato su due aspetti fondamentali: la sicurezza e la presenza del Campionato nel maggior numero di paesi possibili. Ha ricordato che ogni venerdì di Gran Premio la Commissione di Sicurezza si riunisce insieme ai piloti. “Da quando esiste questa commissione, il suo apporto ha permesso un'inversione dei circuiti di 75 milioni di euro in sicurezza”. Sulla presenza in vari mercati mondiali, Ezpeleta ha commentato che “il problema è che ci sono zone del pianeta dove non possiamo arrivare perché non ci sono circuiti omologati. In ogni caso, ora e nei prossimi anni ci saranno 18 prove”.

La diffusione del Campionato mantiene anche una linea ascendente, tanto che nel 2009 un totale di 207 paesi ha emesso gare in diretta, con 5.257 ore di televisione, 2.300.000 di spettatori nei circuito e il sito ufficiale che ha toccato i 47 milioni di visite.

Altro punto sottolineato dal Sig.Ezpeleta è stata l'attenzione alla "temperatura del paddock, dove è necessario mantenere un contatto fluido che ci permetta di detettare i problemi e cercarne rapidamente soluzione. I piloti e i team sono la base del campionato, e il nostro dovere è ascoltarli e appoggiarli. Quando siamo acquisito la gestione del mondiale le 4 categorie esistenti ricevevano circa 350.000$ tra premi e appoggi ai team, oggi distribuiamo circa 50 milioni di euro”.

Tags:
MotoGP, 2010, GRAN PREMIO bwin DE ESPAÑA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›