Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

A Le Mans per continuare la sfida

A Le Mans per continuare la sfida

Terzo appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP di scena sul circuito francese per il Monster Energy Grand Prix of France con Lorenzo che proverà a difendere la leadership conquistata a Jerez.

Le Mans ospiterà questo fine settimana il terzo appuntamento del calendario MotoGP 2010 e mai come in questa occasione il GP transalpino porterà con sè molteplici chiavi di lettura. Partiamo da Jorge Lorenzo: il pilota del team Fiat Yamaha arriva in Francia per la prima volta da leader della classifica mondiale e le possibilità che ripeta la vittoria dello scorso anno sono elevate considerando che da quando è in MotoGP non è mai andato oltre la seconda piazza e che in carriera vanta due trionfi e due podi ulteriori tra queste curve.

Se per lo spagnolo si tratta della prima volta da leader, per il suo compagno di squadra Valentino Rossi si tratta di una delle rare occasioni in cui è costretto a rincorrere. Il Campione del Mondo in carica qui ha vinto quattro volte in carriera (non un bottino eccezionale paragonato ai risultati del "Dottore" in altri circuiti) ed in particolare nelle ultime 4 stagioni, vittoria 2008 a parte, ha trovato solo una sesta piazza (2007) e per ben due volte non è nemmeno andato a punti (2006 e 2009).

Terzo nel mondiale, ma con 16 punti già da recuperare dalla vetta, Dani Pedrosa è la sua Repsol Honda ufficiale non hanno mai brillato sul tracciato di Le Mans. Lo spagnolo dall'approdo in MotoGP nel 2006 ha raccolto appena due terzi posti (proprio nell'anno d'esordio e lo scorso anno). Alla partenza del GP francese Pedrosa si trasformerà anche nel più giovane pilota di sempre a prendere il via della corsa numero 150 in carriera.

Appaiati in 4ª piazza Andrea Dovizioso (Repsol Honda) e Nicky Hayden (Ducati Marlboro) saranno inanzitutto alla ricerca di continuità. L'italiano vanta una buona tradizione francese con ben 5 podi consecutivi nelle classi minori (dal 2003 al 2007) e con il podio in MotoGP solo sfiorato lo scorso anno, l'americano al contrario non ha mai digerito eccessivamente queste curve, con appena un quinto posto nel 2006 come "best result".

Randy de Puniet (LCR Honda) e Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3) completano le prime sette posizioni della classifica mondiale con 17 e 12 punti rispettivamente. Al momento sembrano essere i primi candidati alla piazza di miglior pilota non ufficiale del mondiale con il francese che dalla sua avrà sicuramente il supporto del tifo casalingo mentre l'americano potrà contare sui risultati: ben 2 podi degli 11 totali conquistati in carriera sono arrivati proprio qui.

Solo ottavo, ma con grande volontà di tornare tra i big, Casey Stoner e la Desmosedici GP10 non avranno un compito facile con l'australiano che non è mai andato oltre la terza piazza. Con i suoi stessi punti in classifica anche Ben Spies (Monster Yamaha Tech3), alla prima assoluta su questo circuito (sarà il "leit motiv" della stagione per lui), e Marco Melandri (San Carlo Honda Gresini) che qui è salito sul podio in tre degli ultimi 4 GP, trovando anche vittoria nel 2006.

Alle spalle della top ten, Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), Mika Kallio (Pramac Racing Team), Hiroshi Aoyama (Interwetten Honda MotoGP) precedono Loris Capirossi su Rizla Suzuki ed Hector Barberá su Ducati Paginas Amarillas. Àlvaro Bautista, recuperato al 100% dopo l'infortunio alla clavicola, è 16º, mentre Aleix Espargaró chiude il gruppo con un solo punto a referto.

Tags:
MotoGP, 2010, MONSTER ENERGY GRAND PRIX DE FRANCE

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›