Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Aoyama tenta il rientro lampo: fuori appena 2 mesi

Aoyama tenta il rientro lampo: fuori appena 2 mesi

Il pilota giapponese del Team Interwetten MotoGP Honda infortunatosi a Silverstone ha già iniziato il recupero e ai microfoni di motogp.com racconta le proprie sensazioni

Hiroshi Aoyama ha già iniziato la riabilitazione dell'infortunio con il quale si era fratturado una vertebra e il periodo previsto per il recupero dovrebbe avvicinarsi ai due mesi. Dalla sua residenza di Barcellona, il pilota del team Interwetten MotoGP Honda ha parlato del suo stato fisico, dichiarando:

"Il dolore è abbastanza stabile, sta diminuendo, ma la mia condizione fisica non è perfetta ovviamente. Ci siamo appena riuniti con il dottore e anche se la lesione non è in un buon punto, non è così grave. Credo che si possa già iniziare a fare un po' di esercizio, ma tutto dipende dal dolore che sentirò. La situazione non è la migliore, ma non è nemmeno orribile: posso recuperare".

Commentando l'“highside” con cui si è infortunato, Aoyama ha aggiunto: "Come piloti, sempre correremo il rischio di cadere e romperci qualcosa, ma sempre accade quando pensi che non ti possa succedere. Non mi aspettavo la caduta, ma quando sono atterrato avevo così tanto dolore che mi sono subito accorto di avere un problema".

La lesione si è prodotta in un momento in cui il giapponese stava iniziando a raccogliere i frutti del lavoro di inizio anno..."Volevo continuare a dimostrare al team e agli sponsor che stavamo migliorando in pista, ma per sfortuna la mia condizione fisica non mi permetterà di correre per alcune gare. Ne avrò per due mesi, tre nel peggiore dei casi e durante questo periodo dovrò prepararmi al meglio per tornare al 100%”.

Il dottor Enrique Cáceres Palou, Capo dell'Unità della Colonna nell' USP Institut Universitari Dexeus, è lo specialista che ha visitato Aoyama lo scorso mercoledì.

"Hiro presenta una brutta frattura e ha perso il 25% della longitudine della vertebra T12. Ha avuto fortuna perché non ha riportato nessun tipo di danno neurologico. Ora gli abbiamo prescritto il miglior trattamento, in questo caso conservativo, e dalla prossima settimana potrà iniziare a fare esercizio," ha spiegato il Dottor Cáceres."Se la nostra idea di riabilitazione è corretta, è possibile che in due mesi torni a correre. Saranno fondamentali le prime tre settimane”.

Tags:
MotoGP, 2010, Hiroshi Aoyama, Interwetten Honda MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›