Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo sbarca su Laguna Seca

Lorenzo sbarca su Laguna Seca

Sesta vittoria stagionale per lo spagnolo del team Fiat Yamaha che può sorridere anche per il ritorno sul podio di Valentino Rossi. Cade Pedrosa, Stoner è secondo.

Paesaggio lunare o no, a Laguna Seca Jorge Lorenzo si veste da Neil Armstrong e conquista il pianeta California per la sesta vittoria stagionale. Lo spagnolo, sempre sul podio dall'inizio dell'anno, vanta ora 210 punti sui 225 totali e compie un altro passo, fondamentale, verso il primo titolo MotoGP.

Un'altra bandiera di Lorenzo's Land insomma, ma potrebbe anche non essere andata così se Dani Pedrosa non avesse perso il controllo della sua RC212V all'altezza di una curva 5 che avrebbe poi condannato anche Simoncelli ed Espargaró. Con questa caduta il pilota di punta del team Repsol Honda perde vittoria e treno per il titolo, ora lontano ben 72 lunghezze.

"Ho iniziato bene alla partenza, ma vari piloti mi hanno superato all'esterno della prima curva, quindi ho dovuto prendermi i miei rischi per superare Spies. Poi Stoner ha fatto un errore in curva e l'ho superato...Diciamo che non è stata la miglior partenza della stagione!"

"Ho corso davvero bene oggi, al limite. Dani era impressionante e ha spinto davvero molto, e sapevo che sarebbe potuto cadere. Quando è successo è stato davvero facile terminare la gara davanti.2Abbiamo un gran vantaggio nel campionato, ma non è la prima volta che un pilota perde il titolo nonostante una differenza così grande," ha commentato a caldo Lorenzo.

In seconda posizione troviamo Casey Stoner in una gara che avrebbe potuto probabilmente essere più sua, vista la qualità e i tempi mostrati durante le prove, ma che porta in casa Ducati il miglior risultato stagionale e il quarto podio consecutivo per l'australiano.

Valentino Rossi mantiene la promessa: "Fare meglio del Sachsenring". Dopo un infortunio del genere non si può chidere di più ad un pilota emblema di questo sport che quando già sembrava doversi accontentare della quarta posizione ritrova potenza e velocità per riportarsi su Dovizioso e tenerselo alle spalle.

Con l'italiano della Repsol Honda quarto, Nicky Hayden (Ducati Team), Ben Spies (Monster Yamaha Tech3) e Colin Edwards (Monster Yamaha TEch3) tengono alto l'onore americano chiudendo rispettivamente in quinta, sesta e settima piazza. Melandri (San Carlo Honda Gresini), Loris Capirossi (Rizla Suzuki) e Mika Kallio (Pramac Racing) completano la top ten.

Tags:
MotoGP, 2010, RED BULL U.S. GRAND PRIX, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›