Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo: "Era come correre in Malesia"

Lorenzo: 'Era come correre in Malesia'

Soddisfatto a metà dalla sua gara, Jorge Lorenzo si accontenta di un terzo posto che consolida la sua leadership mondiale.

Sembra incredibile da dire, ma la terza piazza conquistata oggi nel Red Bull Indianapolis Grand Prix da Jorge Lorenzo è il risultato peggiore della stagione 2010 dello spagnolo. Sarà per questo che le dichiarazioni del giovane pilota Fiat Yamaha, suonano più a sconfitta che a podio...

"Non dovrei essere deluso da un terzo posto, ma allo stesso tempo non sono felice per la mia gara di oggi. Non ho guidato al meglio di quanto avrei potuto e non sono partito bene. Le condizioni erano incredibilmente dure e io semplicemente non avevo la forza fisica per spingere al massimo o fare gli stessi tempi che ho fatto nelle prove".

Molto ha fatto la calura tremenda del circuito di Indianapolis, come conferma lo stesso Lorenzo, "È stato come correre in Malesia! La pista era scivolosa e così è stato molto difficile usare le gomme come avrei voluto. Credo, onestamente, di essere stato abbastanza fortunato ad essere finito terzo. La cosa buona è che abbiamo preso buoni punti, ma ora devo concentrarmi sul recupero prima di Misano, perché non abbiamo molto tempo".

Dello stesso parere il team manager Wilco Zelemberg, che ha commentato: ""Queste condizioni sono state terribilmente difficili per i piloti e considerando ciò dobbiamo essere molto felice per il terzo posto di Jorge. Ha fatto molto caldo ed era facile commettere un errore, così prima della gara ho detto a Jorge di cercare solo di portare a casa la moto su due ruote!"

"Purtroppo ha avuto una brutta partenza, il che non lo ha aiutato, poi ha avuto un compito difficile per superare Dovizioso, ma considerando le condizioni e il campionato, siamo solo felici di questo risultato e lo consideriamo alla stregua delle nostre sette vittorie".

Con 68 punti di vantaggio sul vincitore Lorenzo può dormire tranquillo, ma a Misano la pressione, seppur di poco, salirà.

Tags:
MotoGP, 2010, RED BULL INDIANAPOLIS GRAND PRIX, Jorge Lorenzo, Fiat Yamaha Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›