Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La direzione di gara sull'incidente di Tomizawa

La direzione di gara sull'incidente di Tomizawa

Il Direttore di gara Paul Butler, Claude Danis (FIM), l'ufficiale della sicurezza Franco Uncini, l'ufficiale della Clinica Mobile Claudio Macchiagodena, e Javier Alonso (Dorna) hanno tenuto una conferenza stampa a seguito della triste morte di Tomizawa.

Il Direttore di gara Paul Butler, Claude Danis (FIM), l'ufficiale della sicurezza Franco Uncini, l'ufficiale della Clinica Mobile Claudio Macchiagodena, e Javier Alonso (Dorna) hanno presenziato alla conferenza stampa a seguito della triste morte di Tomizawa. Di seguito le dichiarazioni dei presenti:

Claudio Macchiagodena: “Abbiamo pensato di fermare la gara perché era pericoloso, ma i piloti sono stati raggiunti immediamente. Non ho chiesto alla Direzione Gara le bandiere rosse perché non mi avrebbero aiutato col mio lavoro, avremmo ritardato l'intervento dell'ambulanza. Dietro le protezioni della pista avevamo un ambulanza con respiratore e abbiamo iniziato subito una cura intensiva. Era importante avere la ventilazione e due medici presenti. Arrivato al centro medico le sue condizioni erano critiche e lì abbiamo proseguito la cura intensiva. Abbiamo controllato il trauma addominale perché la situazione era molto seria non solo per il trauma al cranio".

"Ha sofferto un trauma al cuore e l'opzione migliore era di trasportarlo all'ospedale di Riccione e utilizzare l'elicottero non avrebbe permesso la continuazione del processo di respirazione. Alla fine non c'è stato nulla da fare".

Paul Butler: “Credo che per prima cosa sia necessario stare vicino alla famiglia, agli amici e al team di Tomizawa. Il Dottor Macchiagodena ha spiegato la situazione molto chiaramente. Il mio lavoro è decidere quando usare o meno le bandiere rosse, sulla base delle indicazioni che ricevo. L'intervento medico è stato molto rapido ed efficiente visto che il punto dell'incidente era pieno di servizi medici: ambulanze e dottori. Non hanno corso rischi gli altri piloti, quindi non c'era ragione per la bandiera rossa”.

Claude Danis: “Voglio solo confermare quanto detto da Paul. Abbiamo pensato non fosse necessario fermare la gara perché sembrava tutto ok in pista durante il giro successivo. Oggi è un giorno molto triste e a nome della FIM voglio esprimere le mie più profonde condoglianze alla famiglia, al team e agli amici di Tomizawa”.

Franco Uncini: “Siamo molto vicini alla famiglia, agli amici, al team e a tutti coloro che gli erano vicini. Quello che è successo non ha nulla a che vedere con la sicurezza. Sono tipologie di infortuni che possono capitare sempre e ovunque. Con la tecnologia di oggi è molto difficile risolvere i problemi di protezione dei piloti, ma ci stiamo provando e in futuro saremo in grado di diminuire le lesioni negli incidenti”.

Javier Alonso: “Oggi abbiamo perso una persona eccellente, un buon pilota, ma prima di tutto una grandissima persona e siamo molto dispiaciuti. Voglio solo fare un chiarimento perché sembra che la notizia sulla morte di Tomizawa sia uscita prima della comunicazione ufficiale. Questo è accaduto perché volevamo prima informare la famiglia”.

Tags:
MotoGP, 2010, GP APEROL DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI, Shoya Tomizawa, Technomag-CIP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›