Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La Moto2 si chiama Toni Elias

La Moto2 si chiama Toni Elias

Il risultato di Sepang consegna nelle mani del pilota di Manresa il primo titolo della storia della nuova categoria del Campionato del Mondo.

Cresciuto in una famiglia proprietaria di un negozio di moto a Manresa e figlio di un dieci volte campione del campionato spagnolo di motocross, Toni Elias era destinato ad una carriera su due ruote. I suoi inizi in questo sport arrivano nelle pocket-bike e nelle competizioni con scooter, prima di entrare nel Campionato Spagnolo 125 nel 1998. Dopo aver chiuso terzo nelle serie nazionali, l'anno successivo si aggiudica una Honda per la prima stagione integrale nel Campionato del Mondo nel 2000.

Nel 2001, questo giovane pilota diventa la rivelazione lottando fino alla fine per il titolo mondiale dell'ottavo di litro con un progetto Junior comandato da Alberto Puig. Vince due gare e chiude terzo, eguagliando il suo miglior risultato in classifica generale.

Nel 2002 è già tempo di classe 250, con Elias pronto a sfidare Manuel Poggiali per il titolo nell'anno successivo fino alla caduta all'ultimo giro nel GP di Rio. Elias fatica a ritrovare la forma con il passaggio da Aprilia a Honda nel 2004, ma l'assoluto talento dello spagnolo convincono Fortuna Yamaha a portarlo in MotoGP nel 2005. Il processo di apprendimento al fianco di Rubén Xaus è interrotto da un infortunio in Francia, ma nella terza e conclusiva parte della stagione Elias dimostra il proprio valore.

Lo spagnolo corre per due stagioni con il team satellite Honda di Fausto Gresini, continuando a dare prova di essere un pilota altamente spettacolare. La sua prima vittoria arriva nel GP di Portogallo 2006, in una delle sfide più incredibili contro Valentino Rossi e Kenny Roberts Jr., e nonostante un terribile incidente ad Assen nel 2007 limiti la sua annata, impressiona abbastanza perché Luis d’Antin decida di affidargli una Ducati satellite.

L'esperienza Ducati non è semplicissima: Toni trova un paio di podi con il team Alice prima fare il proprio ritorno nel team San Carlo Honda Gresini nel 2009. La sua prima annata, in sella ad una moto con specifiche ufficiali, vede il catalano chiudere per ben 12 volte nella top ten, con un terzo posto a Brno come miglior risultato. Nonostante questo, Elias non riesce a confermare la sua sella in MotoGP, anche se la sua patnership con Gresini continua nel progetto Moto2, con una Moriwaki MD600.

Inizia l'annata tra i favoriti per il titolo, e durante la stagione la sua esperienza e il suo talento lo portano a conquistare 7 vittorie, incluse 4 consecutive. Le sue caratteristiche di guida e la sua forte personalità si sono guadagnati milioni di fans in tutto il mondo, con lo spagnolo che diventa il primo Campione del Mondo Moto2 della storia con soli 27 anni.

Alcuni dati su Toni Elías:

Toni Elias è il primo Campione del Mondo Moto2 della storia;

Elias è andato a punti in ogni Gran Premio delle prime 14 gare del 2010;

Ha vinto sette gare delle prime 14, più del doppio del secondo pilota più vincente;

Il suo decimo posto di Silverstone è l'unico che lo ha visto fuori dalla top five in stagione;

Toni Elias non ha più lasciato la leadership della classifica da quando l'ha conquistata a Le Mans;

Nella seconda gara della stagione in Spagna, Toni Elias ha vinto per la prima volta in Moto2, entrando così in un elitè di soli sette piloti ad aver vinto in 4 categorie differenti.

Tags:
Moto2, 2010, SHELL ADVANCE MALAYSIAN MOTORCYCLE GRAND PRIX, Toni Elias, Gresini Racing Moto2

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›