Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Gresini: "Nel 2011 diremo la nostra"

Gresini: 'Nel 2011 diremo la nostra'

Simoncelli, Melandri, Aoyama. Piloti già appartenenti al passato e promesse del team San Carlo Honda Gresini per il futuro in questa intervista a tutto tondo al proprietario del team italiano MotoGP.

Sebbene sia stato il Campionato Moto2 a regalare le maggiori soddisfazioni, il Team San Carlo Honda Gresini, nella figura del suo team manager e proprietario Fausto Gresini, ha raccolto parecchio anche nella classe regina, in particolare con Marco Simoncelli sul finire del 2010...

"Devo dire che all'inizio della stagione per Marco Simoncelli non è stato facile perché per un rookie che comincia con la MotoGP, con pochi test e con poca esperienza è veramente molto difficile. Poi con il monogomma, con uno pneumatico sicuramente molto perfomante, ma più difficile da gestire," ha iniziato Fausto. "Ne Marco ne la squadra avevano l'esperienza sufficiente anche se il suo approccio è stato sempre molto positivo e questo lo ha aiutato. È caduto parecchio all'inizio compromettendo la prima parte, ma è sempre stato tenace e duro con se stesso".

"È arrivato a fine campionato migliorando molto. L'aiuto di Honda è stato fondamentale e la squadra è cresciuta alla grande. Siamo arrivati nella seconda parte di campionato molto bene, dove ha dimostrato di avere un grande potenziale da esprimere soprattutto nella prossima stagione. Il bilancio è positivo perché il progresso è stato sensibile e continuo, sempre".

"In ogni gara ha guadagnato qualcosa ed essendo uno che ci crede sempre ha fatto passi da gigante. Il quarto posto del Portogallo è stato il punto più alto della stagione e terminare la stagione così con un rookie come Marco ci da grande fiducia per il prossimo anno," ha concluso il proprietario del team Gresini.

Sicuramente la stagione dell'altro italiano del box non è stata quella che ci si attendeva, e Fausto sull'argomento ha dichiarato: "Marco Melandri ha sempre rappresentato molto per noi e con lui abbiamo vinto gare in passato. Ci aspettavamo grandi risultati e non sono arrivati e quando Marco sembrava aver trovato la via giusta una caduta ci ha costretti a ricominciare da zero. Dopo tre quarti di stagioni inizi a pensare al prossimo anno e le cose si complicano".

"Questa non è la posizione di Marco, ma non si è trovato con questa moto e sono molto dispiaciuto. Avrei voluto fare molto di più per lui. Ci credevamo entrambi ed è un peccato. Speriamo che gli vada alla grande nella sua nuova avventura perché gli vogliamo molto bene".

Capitolo futuro. "Nel 2011 Simoncelli sarà un pilota ufficiale HRC e sarà una bella responsabilità per noi e per lui," ha continuato il manager italiano. "Sappiamo che può crescere ancora e fare un grande campionato. Partiamo con una buona base d'esperienza e lavoreremo al fianco dei tecnici di HRC già nei test. Difficile dire cosa potremo fare, la MotoGP è sempre molto complicata, ma siamo sicuri di avere un gran pilota e una gran moto...diremo la nostra".

Infine un pensiero sul nuovo arrivato in casa Gresini Hiroshi Aoyama: "Non ha avuto molta fortuna in MotoGP. Crediamo che sia un buon pilota e che abbia bisogno di un team con esperienza e siamo convinti di poterlo aiutare a crescere. Non ci aspettiamo di vincere le gare, ma ha potenzialità".

Tags:
MotoGP, 2010, San Carlo Honda Gresini

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›