Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Lorenzo e Simoncelli si scambiano accuse pesanti dopo le qualifiche

I due piloti protagonisti di un acceso scambio di opinioni durante la conferenza stampa post-qualifiche di Estoril.

Jorge Lorenzo e Marco Simoncelli saranno fianco a fianco sulla griglia di partenza del bwin Grande Prémio de Portugal di domani, dopo aver conquistato le prime due posizioni nelle qualifiche del sabato di Estoril. La coppia si è resa protagonista di un animato dibattito nella conferenza stampa seguita al turno pomeridiano.

La disputa è scaturita in seguito ai commenti fatti da Lorenzo sullo stile di guida di Simoncelli e, inzigati dai media, i due ha discusso animatamente come mostrato nel video. Sotto una piccola trascrizione di cosa si sono detti...

Marco Simoncelli: “Si, ho letto qualcosa delle sue dichiarazioni riguardanti il mio modo di guidare, ma non so come replicare perchè, per esempio, ha affermato che lo scorso anno a Valencia l’ho toccato facendolo quasi cadere, cosa assolutamente falsa visto che gli ero davanti e, nel tentativo di superarmi, ha commesso un errore. Mi ha toccato dentro e la sua gomma è entrata in contatto con la mia tuta, e di certo questo non è un buon esempio. Altra cosa: qualche anno fa venne squalificato dalla direzione di gara per il suo stile di guida aggressivo. In mia opinione, ha dichiarato qualcosa di assolutamente falso”.

Jorge Lorenzo: “Penso di aver detto la verità ieri. Se quanto da me affermato non corrisponde a verità, non è un problema. Vedremo cosa succederà in futuro”.

MS: “Si, ma secondo me tu non hai dato il buon esempio a Valencia”.

JL: “Anche a te è capitato di toccare con altri piloti, no?”

MS: “Certo, ma il tuo è un esempio sbagliato, secondo me”.

JL: “Quante gare ho chiuso senza cadere? Non ho toccato proprio nessuno”.

MS: “Ok, ho detto che il tuo esempio era sbagliato, scusa!”

JL: “Questa è solo la tua opinione! Ma penso che molta gente del paddock ed alcuni dei piloti, siano della mia stessa idea”.

MS: “Prova a chiedere.”

JL: “Chiedi a (Andrea) Dovizioso, per esempio. Oppure ad (Hiroshi) Aoyama”.

MS: “Prova a chiedere a Dovizioso del 2005!!”

JL: “Non importa. Se nel futuro non succederà nulla di spiacevole, per me non ci sono problemi. Ma se qualcosa dovesse andar storto fra noi in futuro, allora sarà un bel problema”.

MS: “Okay. Mi arresteranno allora!”

JL: “Adesso tutti ridono, ma c’è poco di divertente in realtà: sono in gioco le nostre vite. Corriamo a 300km/h su moto potenti e molto pesanti. Non sono minibike. È uno sport pericoloso e devi pensar bene a quello che stai facendo. Sono pronto a lottare con tutti i piloti, ma non mi piacciono le cose sporche. Mi sono fatto male svariate volte, ho fatto cadere De Angelis in Giappone ed ammetto di aver sbagliato. Da quel fatto ho sempre provato a guidare pulito. Posso commettere errori perchè sono una persona umana, ma quando guido penso almeno un paio di volte prima di fare qualcosa. Non mi lascio prendere dall’istinto perchè un conto è giocare con la tua salute e un conto e giocare con quella degli altri piloti”.

Tags:
MotoGP, 2011, Jorge Lorenzo, Marco Simoncelli

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›