Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Repsol: 40 anni di storia nel Campionato del Mondo di motociclismo

Repsol: 40 anni di storia nel Campionato del Mondo di motociclismo

L’azienda spagnola celebra quattro decenni nel Campionato Mondiale di motociclismo, con 25 titoli conquistati in tutte le categorie.

Repsol sponsorizza il mondo dello sport dal 1969, e due anni dopo entra nel mondo delle due ruote.

Ángel Nieto, Jorge Martinez ‘Aspar’, Sito Pons, Álex Criville, Emilio Alzamora, Mick Doohan, Valentino Rossi, Dani Pedrosa, Marc Márquez ...grandi nomi della storia del motociclismo, sia spagnoli che non, con qualcosa in comune: tutti sono stati o sono ancora piloti Repsol. La storia di questo sport è stata scritta nell’arco dei quattro decenni in cui Repsol si è confermata come uno degli sponsor più longevi.

Tutto è iniziato nel 1971, quando un giovane Ángel Nieto mostrava per la prima volta una ‘R’ sulla sua Derbi. Quaranta anni fa (9 maggio 1971) sulla pista austriaca del Salzburgring, ebbe luogo il primo round della stagione. Ángel Nieto salì sul podio due volte quel giorno: secondo nella categoria 50 e primo in 125. A fine stagione, conquistò il suo primo titolo nella classe 125 e chiuse secondo nella categoria inferiore. Un modo fantastico per Repsol per iniziare la propria esperienza come sponsor di gare motociclistiche.

Tuttavia, i primi ad indossare il logo Repesa – il primo di Repsol – furono i piloti rally Alberto Ruiz Giménez, Eladio Doncel e José Manuel Lencina, che nel 1969 gareggiarono con alla guida di Lancia ed Alfa Romeo. Il logo originale, usato da Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso in occasione del Gran Premio di Valencia nel 2008, è tuttora in bella vista sulle macchine Repsol Classic Team.

Fucina di campioni
A partire dal debutto di Angel Nieto, i piloti Repsol sono stati costantemente i protagonisti della storia di questo sport. Jorge Martinez ‘Aspar’ nel 1988 face suo il titolo delle classi 80 e 125. Quello stesso anno, Sito Pons, con la sua Honda NSR 250, si laureò campione nella 250.

È stata però la classe regina la testimone principale della crescita di Repsol come sponsor internazionale con il dominio della seconda metà degli anni 90 grazie a piloti come Mick Doohan, Alex Criville, Tadayuki Okada e Takuma Aoki.

L’alleanza Repsol-Honda si è protratta fino ai giorni nostri, sempre al massimo livello: sono 9 i titoli conquistati ed altrettante le vittorie nel Campionato Costruttori. L’australiano Mick Doohan fu campione per i quattro anni in cui indossò la livrea Repsol mentre Crivillé vinse il titolo in 500 nel 1999, il primo spagnolo a riuscire nell’impresa nella classe regina.

Nella stessa stagione, Emilio Alzamora, altro pilota Repsol, trionfò in 125. Due anni dopo, nel 2001, la classe 500 vide Valentino Rossi conquistare il titolo, ancora una volta con il sostegno di Repsol. In 250, Daijiro Kato arrivò al titolo e nei due anni successivi Rossi dominò la classe regina. In quel periodo Dani Pedrosa fece il suo debutto nel Campionato del Mondo, vincendo in 125. Nel 2006, Nicky Hayden, sempre con Repsol, chiuse in prima posizione il Campionato del Mondo MotoGP.

I record di Repsol nel Campionato del Mondo di motociclismo:

50cc
1972 Ángel Nieto (Derbi)

80cc
1988 Jorge Martínez “Aspar” (Derbi)

125cc
1971 Ángel Nieto (Derbi)
1972 Ángel Nieto (Derbi)
1981 Ángel Nieto (Minarelli)
1982 Ángel Nieto (Garelli)
1983 Ángel Nieto (Garelli)
1988 Jorge Martínez “Aspar” (Derbi)
1989 Álex Crivillé (JJ-Cobas)
1999 Emilio Alzamora (Honda RS 125)
2003 Dani Pedrosa (Honda RS 125)
2010 Marc Márquez (Derbi RSA)

250cc
1988 Sito Pons (Honda NSR 250)
1989 Sito Pons (Honda NSR 250)
2001 Daijiro Kato (Honda NSR 250)
2005 Dani Pedrosa (Honda RSW 250)

500cc
1995 Mick Doohan (Honda NSR 500)
1996 Mick Doohan (Honda NSR 500)
1997 Mick Doohan (Honda NSR 500)
1998 Mick Doohan (Honda NSR 500)
1999 Álex Crivillé (Honda NSR 500)
2001 Valentino Rossi (Honda NSR 500)

MotoGP
2002 Valentino Rossi (Honda RC211V)
2003 Valentino Rossi (Honda RC211V)
2006 Nicky Hayden (Honda RC211V)

Tags:
MotoGP, 2011

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›