Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

A Le Mans trionfa Casey Stoner

Il pilota Repsol Honda conduce una gara perfetta che lo porta in solitaria alla conquista dei 25 punti finali. Secondo il compagno di squadra Andrea Dovizioso, terzo Valentino Rossi (Ducati Team).

La gara della classe regina conclude il weekend del quarto appuntamento della stagione 2011, il Monster Energy Grand Prix de France. Il primo a tagliare il traguardo è Casey Stoner (Repsol Honda) autore di una gara priva di errori che lo vede allontanarsi sempre più dagli altri piloti fino alla conquista finale del gradino più alto del podio, dopo la serie positiva di risultati ottenuti lungo tutto il fine settimana.

Conclude secondo l’italiano Andrea Dovizioso (Repsol Honda), protagonista di un’emozionate battaglia nelle tornate conclusive con il connazionale Valentino Rossi (Ducati Team). Rossi, che va a chiudere terzo, sale per la prima volta nel 2011 sul podio: il pilota del team di Borgo Panigale parte dalla nona casella è si rende il protagonista di una rimonta incredibile che lo vede lottare fino all’ultimo per la seconda piazza.

Appena sotto il podio troviamo il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), capace di arrivare fino alla seconda posizione nelle ultime tornate della gara, che guadagna così una posizione in più rispetto a quanto mostrato nelle qualifiche di ieri.

Completa la top 5 Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini): il pilota di Cattolica parte bene, si mette subito alle spalle di Stoner e Pedrosa arrivando fino alla seconda posizione, dopo aver superato al 17º giro il catalano, ma gli viene inflitta una penalità per la manovra pericolosa che porta alla successiva caduta di Pedrosa, vedendosi così costretto a cedere il passo agli altri piloti prima di poter rientrare in pista e concludere la gara.

Il gruppo dei primi 10 è definito dall’altro pilota Yamaha Factory Racing, Ben Spies, 6º posto per lui, l’americano Nicky Hayden (Ducati), Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini), Hector Barbera (Mapfre Aspar Team) e l’esordiente Karel Abraham (Cardion AB Motoracing) a chiudere in decima posizione.

Arriva 11º l’attuale Campione del Mondo Moto2 Toni Elias (LCR Honda), dietro di lui Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) e Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3).

Sperava di far bene in questo round casalingo il francese Randy De Puniet (Pramac Racing), costretto ad abbandonare la corsa dopo poche curve dal via. Cade anche l’esordiente Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3) a 23 giri dalla conclusione: l’inglese prova a continuare ma la moto non riesce a stargli dietro. Stessa sorte per l’altro pilota Pramac Racing, Loris Capirossi, che finisce sulla ghiaia a 6 giri dal termine della gara.

Preoccupa la situazione di Dani Pedrosa (Repsol Honda): il pilota catalano, rimasto in seconda posizione fino al giro numero 17, viene superato dall’italiano Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) e nel tentativo di riprendersi la posizione sottratta, perde il controllo della moto picchiando violentemente la spalla sull’asfalto. Il 26enne si rende subito conto della gravità della situazione e il bollettino medico conferma la rottura della clavicola recentemente operata.

Tags:
MotoGP, 2011, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›