Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Chiusa la prima giornata di test ad Aragon

Chiusa la prima giornata di test ad Aragon

Sempre Simon e Terol davanti a tutti nelle rispettive categorie anche se sul circuito di Motorland il vero protagonista è stato il caldo.

Il clima torrido di questo pomeriggio sul circuito di Aragon ha complicato il lavoro in pista dei piloti Moto2 e 125, che questa mattina avevano iniziato una due giorni di test con l'obiettivo di arrivare con setting e idee chiare al prossimo appuntamento mondiale di scena a poco più di 200km da qui, sullo storico tracciato di Montmeló.

Nessuno tra più rapidi di questa mattina ha fatto meglio nella sessione pomeridiana quando ben 35ºC hanno messo a dura prova il fisico dei piloti presenti. Detto questo, Julian Simon ha girato con 4 decimi di ritardo sul suo stesso crono, rimanendo il leader virtuale di questo test privato.

Lo spagnolo del team Mapfre Aspar, impegnato nella ricerca del setting vincente (è proprio il caso di dirlo visti i 9 podi su 21 GP disputati fino ad ora in Moto2), ha controllato la situazione rimanendo davanti a Bradley Smith (Tech3), Javier Fores (Mapfre Aspar) e Ratthapark Wilairot (Thai Honda Singha SAG).

In pista ha provato la Moriwaki del team G22 Carmelo Morales. Dell'esperto pilota spagnolo, che ben conosce questa pista, non sono stati tuttavia resi noti i tempi sul giro.

In 125 Nico Terol ha sfruttato poche tornate sotto il sole cocente di Aragon. Alle 16.00 il leader del Campionato del Mondo 125 ha dichiarato chiusa la sua prima giornata. Dietro di lui Maverick Viñales (Blusens by Paris Hilton Racing) ad appena 9 millesimi ed Hector Faubel (Bankia Aspar). Il recente vincitore della gara cadetta di Le Mans, insieme a Bradley Smith, è stato uno dei più attivi con ben 32 giri nella sessione del pomeriggio.

Per chiudere da segnalare la caduta anche dell'altro pilota Pons Racing, Aleix Espargaró, che ha riportato qualche piccola escoriazione al ginocchio sinistro.

Tags:
Moto2, 2011

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›