Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Jeremy Burgess si sbilancia sulla prossima stagione

Jeremy Burgess si sbilancia sulla prossima stagione

In un'intervista con l'ex pilota Daryl Beattie, il capo meccanico del Ducati Team dice la sua sull'esperienza con la squadra italiana e sui cambiamenti nel regolamento tecnico che entreranno in vigore nel 2012.

Rispondendo alle domande dell'ex pilota Daryl Beattie, Jeremy Burgess ha toccato svariati argomenti, fra cui il suo passaggio in Ducati per la stagione 2011.

"L'infortunio di Valentino non è stato sicuramente il miglior modo per cominciare" ha dichiarato Burgess in un'intervista per il canale australiano One HD. "La moto è stata ultimata alla fine dello scorso anno e nella prima di Qatar credo che molto abbia fatto il non aver avuto un pilota nel pieno della forma fisica. Ma è andata come è andata, ora cominciamo a vedere i primi progressi grazie ai miglioramenti fisici di Valentino, giunti dopo la pausa di Estoril".

"La sessione di test post Portogallo ci ha dato quello che volevamo in entrambi i reparti, il telaio ed il motore. Rimaniamo comunque sempre in cerca di ulteriori miglioramenti, perchè a ben vedere, quello è stato solo il primo test e siamo ancora un po' indietro rispetto al programma".

Ha poi continuato: "Probabilmente passeremo l'inizio della stagione ad inseguire, ma arriverà il nostro momento. Abbiamo lavorato molto sull'elettronica e sia il telaio che il motore hanno dato riscontri positivi durante la sessione di test. Ora basterà continuare su questa strada, raccogliendo sempre più vantaggio fino ad arrivare davanti."

Prima che la nuova stagione prendesse il via, sono scaturite non poche polemiche riguardo la moto ereditata dal connazionale di Burgess, Casey Stoner.

"Casey senza dubbio è un pilota fantastico e ha fatto un lavoro meraviglioso sulla moto, ma ci sono state troppe gare concluse senza nessun punto," ha commentato Burgess. "A volte, e in questo caso particolare, credo che Ducati si lasci un po' andare, nel senso che penso vadano analizzati non solo i successi, ma anche i risultati negativi. Non dovrebbero essere semplicemente catalogati come 'sfortuna' ma bensì studiati per poter capire se qualcosa non va: proprio per questo vorremmo offrire a Valentino una moto che possa girare veloce senza spingersi però mai vicino al limite".

Sono stati compiuti parecchi passi in avanti nell'adattamento della moto allo stile di Rossi e il podio di Le Mans è sicuramente il giusto riconoscimento. Burgess è convinto che sia ancora molto il lavoro da fare, ed ha commentato "Ci sono cose che possiamo ancora fare per crescere quest'anno, e ce ne sono molte altre che metteremo in atto per il prossimo anno".

Parlando della prossima stagione, ed in particolar modo del ritorno della 1000, ha dichiarato: "Non credo ci sarà molta differenza su chi vincerà le gare, ma sicuramente spero di vedere Valentino nelle parti alte della classifica! Sinceramente penso che si ripeterà la stessa top5 ogni settimana".

Alla domanda se il passaggio in Ducati fosse la sfida più dura intrapresa finora nella sua carriera, Burgess non è parso così sicuro.

"Credo che i primi tempi con Mick (Doohan), fossero probabilmente più difficili. Honda era da parecchio che non vinceva un Campionato, e nei primi anni 90 la cosa appariva parecchio fuori dal normale," ha spiegato. "Il Giappone ci metteva addosso non poca pressione. Penso di poter gestire quel tipo di sensazione meglio ora, ma ho ancora ben chiara la difficoltà di quegli anni".

Tags:
MotoGP, 2011, Valentino Rossi, Ducati Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›