Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Gara da dimenticare per Lorenzo e Spies

Gara da dimenticare per Lorenzo e Spies

Il GP inglese di Silverstone si è concluso nel peggiore dei modi per la coppia di piloti Yamaha Factory Racing. Sotto una pioggia battente, il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo e il suo compagno di squadra Ben Spies hanno visto sfumare tutto davanti ai loro occhi, dalle buone sessioni di libere fino all'ottimo risultato del turno di qualifiche.

Lorenzo è partito bene, mantenendo però la prima posizione solo per poche curve. Proprio nel momento in cui il maiorchino stava cominciando a guadagnare secondi preziosi per colmare il gap dal leader, un'entrata in curva troppo rapida gli ha fatto perdere il controllo della sua M1, facendolo finire fuori pista.

Stessa sorte per Ben Spies: dopo esser scivolato in quinta posizione, l'americano è caduto alla prima curva atterrando sulla ghiaia e picchiando violentemente contro il muro. Il pilota è stato poi trasportato direttamente al centro medico per delle analisi alla schiena e al collo che hanno per fortuna mostrato l’assenza di complicazioni.

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
“Sono arrabbiato perché la caduta è avvenuta solo per colpa mia. È un vero peccato sia per il team, che ha lavorato sodo per tutto il weekend, che per il mio Fan Club, giunto in Inghilterra per sostenermi. Stavo girando bene e avrei dovuto aspettare per il sorpasso su Andrea. Sono convinto che oggi avrei potuto tranquillamente giocarmela con Stoner. Non ero preoccupato per Simoncelli, ma del fatto che Casey stavo lentamente prendendo il largo. Quando me ne sono reso conto ho provato a superare Andrea ma..sono caduto! Sono davvero dispiaciuto e cercheremo di rifarci con il prossimo appuntamento di Assen. Voglio congratularmi con Colin: si meritava il podio dopo tutto lo straordinario lavoro fatto in questa settimana".

Ben Spies, Yamaha Factory Racing
“Finire in questo modo un weekend di duro lavoro è davvero scoraggiante. Abbiamo lavorato sul set-up da pioggia nelle sessioni del venerdì e ci eravamo preparati a dovere. Purtroppo appena ho toccato i freni in curva sono andato giu, picchiando contro il muro ancor prima di rendermene conto. Ho picchiato violentemente la schiena ma per fortuna il paraschiena ha fatto il suo lavoro. Ora mi concederò qualche giorno di relax per recuperare, dopodichè sarà il momento di pensare al prossimo round di Assen".

Tags:
MotoGP, 2011, AIRASIA BRITISH GRAND PRIX, Jorge Lorenzo, Ben Spies, Yamaha Factory Racing

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›