Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi: “Credo che questa volta Simoncelli non abbia fatto niente di esagerato”

Rossi: “Credo che questa volta Simoncelli non abbia fatto niente di esagerato”

Archiviato il TT di Assen, il pilota del team Ducati ha analizzato le prestazioni della prima prova ufficiale della GP11.1, aggiungendo la propria opinione sul caso Simoncelli-Lorenzo.

Chiuso il GP di Olanda con un quarto posto finale, Valentino Rossi ha risposto ad alcune domande poste dai giornalisti circa il rendimento della GP11.1, utilizzata per la prima volta nel corso del fine settimana. L'italiano ha poi commentato la manovra conclusasi con la caduta di Marco Simoncelli e Jorge Lorenzo.

Come hai trovato la GP11.1? Pensi ci sia ancora molto su cui lavorare?
“SI, sulla moto c’è ancora molto da lavorare, ci sono tanti aspetti da curare e non possiamo aspettarci che i risultati arrivino da una gara all’altra. Purtroppo sia io che la mia squadra non abbiamo molta esperienza su questa moto, quindi abbiamo sempre bisogno di più tempo di quello a disposizione. Ogni volta è un problema scendere in pista per la gara con un setting che non conosci. Stamattina avremmo potuto provare un po’ di più e cominciare a risolvere qualcosa, ma poi ha cominciato a piovere e il warm up si è chiuso lì. Dobbiamo cercare di essere più rapidi nel preparare la moto in vista della gara”.

Quando parli di problemi con la moto, cosa intendi esattamente?
“Diciamo che con questa moto, per fare una modifica bisogna farne 3. Richiede un approccio differente. Sono problemi che nelle case giapponesi capitano raramente perché hanno più esperienza in merito, ma con questo non voglio dire che non ci sia gente in grado di mettere a posto la Ducati, anzi, ce n’è tanta e molti di loro lavorano con me. È importante far bene già dal turno di qualifica: se fossi stato in seconda fila, con la partenza che ho fatto oggi, sarei passato direttamente davanti”.

Ritieni che questi problemi possano derivare anche dal fatto di non avere con te un team interamente Ducati?
“La scelta di avere il mio team ha dei pro e dei contro, lavoro con loro da tantissimi anni ed hanno esperienza su di me, e comunque ci sono persone che hanno una profonda conoscenza della Ducati nel box”.

Sul caso Simoncelli-Lorenzo, cosa ne pensi?
“Mi dispiace moltissimo per Simoncelli perché continua ad andare fortissimo e fare le pole ma poi finisce sempre male. Questa volta ritengo non abbia fatto niente di esagerato, però a sinistra la gomma era un po’ più fredda ed è scivolato. Ho sentito che anche Lorenzo ha commentato che ‘sono cose che capitano’...”.

I giornalisti cominciano a ridere spiegandogli che Lorenzo ha dichiarato che dovrebbero fermare Simoncelli per un turno come hanno fatto con lui in passato, per fargli imparare la lezione. Rossi a quel punto aggiunge: “Qui non si sta parlando di un sorpasso ‘cattivo’ o di una cosa esagerata, però alla fine il risultato è quello che abbiamo visto tutti. A dirla tutta pensavo che il pilota caduto con Marco fosse Spies, e solo all’ultimo giro mi sono reso conto di aver sbagliato”.

Tags:
MotoGP, 2011, IVECO TT ASSEN, Valentino Rossi, Ducati Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›