Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo torna alla vittoria sul circuito del Mugello

Lorenzo torna alla vittoria sul circuito del Mugello

Il pilota Yamaha Factory Racing insegue e riesce a conquistare la sua seconda vittoria della stagione. Secondo Andrea Dovizioso (Repsol Honda), terzo Casey Stoner (Repsol Honda).

Uno dei più belli e affascinanti circuiti del Campionato accoglie l’ottavo appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP 2011, il Gran Premio d’Italia TIM. Sono ben 83.748 i tifosi accorsi al Mugello per questo appuntamento, e i piloti della classe regina non hanno certo deluso le loro aspettative: dalla pole position scatta subito bene Casey Stoner (Repsol Honda), mentre perdono qualcosa Ben Spies (Yamaha Factory Racing) e Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), lanciati rispettivamente dalla seconda e dalla terza piazza della griglia.

Ne approfittano, dalla seconda fila, il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Race) e l’italiano Andrea Dovizioso (Repsol Honda), autori di un buon avvio che li vede accomodarsi alle spalle dell’australiano al comando. Poco dietro, dopo solo un giro dal via, Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) ha la meglio su Ben Spies (Yamaha Factory Racing) e si piazza 4º.

Nel frattempo, prende forma il gruppo degli inseguitori con Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) e Valentino Rossi (Ducati Team) agli estremi: è 6º lo spagnolo, 10º l’italiano. Proprio il compagno di squadra di Rossi, l’americano Nicky Hayden, è protagonista di un fuori pista durante il primo giro che lo fa scivolare nelle parti basse della classifica (chiuderà poi 10º).

Animata la situazione nel gruppo al comando: Dovizioso (Repsol Honda) recupera terreno su Lorenzo (Yamaha Factory Racing) ed è 2º a sedici giri dal termine, mentre Casey Stoner (Repsol Honda) prosegue la sua marcia solitaria facendo inoltre registrare il nuovo record sul circuito.

Valentino Rossi (Ducati Team) dà il via alla sua rimonta e, giro dopo giro, si mette alle spalle Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3), Hector Barbera (Mapfre Aspar Team), e Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) fino a piazzarsi in sesta posizione alla conclusione del 10º giro.

Quando mancano 12 tornate al termine, Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing) fa la sua mossa, e supera Dovizioso (Repsol Honda) lanciandosi all’inseguimento di Stoner (Repsol Honda), mentre poco dietro Simoncelli (San Carlo Honda Gresini) e Spies (Yamaha Factory Racing) non si risparmiano convenevoli e continuano il loro duello a suon di sorpassi azzardati.

Mentre diminuiscono i giri che separano i piloti dal traguardo, Lorenzo (Yamaha Factory Racing) guadagna terreno, avvicinandosi sempre più alla testa del gruppo, e, a 6 giri dal termine, è addosso a Stoner (Repsol Honda), lo sorpassa, e si pone al comando dell’intera classe, riuscendo anche a creare un gap di circa un secondo sul resto dello schieramento.

Alle sue spalle la battaglia tutta Honda vede uscire vincitore Andrea Dovizioso, che sale in seconda posizione nel penultimo giro della gara, costringendo così il compagno Stoner ad accontentarsi del terzo posto finale.

Poche posizioni dietro, Spies non ci sta e si gioca il tutto per tutto per impedire all’italiano del team San Carlo Honda Gresini di avere le maeglio: l’americano passa 4º al 14º giro, ma l’italiano non molla, e si riprende la posizione al 20º giro fino però alla curva finale, dove il pilota Yamaha Factory Racing lo affianca e lo supera relegandolo nella quinta posizione finale.

Buona la prima prova di Dani Pedrosa (Repsol Honda), tornato sulle scene mondiali dopo l’infortunio alla clavicola che lo ha tenuto lontano per ben tre turni: lo spagnolo, partito dall’ottava piazza della griglia, scivola sul fondo della classifica nell prima parte della gara, ma è capace a sollevare la testa e conquistare, a colpi di sorpassi, l’ottava posizione finale.

Tags:
MotoGP, 2011, GRAN PREMIO D'ITALIA TIM, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›