Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Iannone per la prima volta su un prototipo MotoGP

Iannone per la prima volta su un prototipo MotoGP

Archiviato l'ottavo appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP, la maggior parte dei piloti della classe regina si è trattenuta al Mugello per la sessione di test ufficiali.

Il team Pramac Racing era presente con Randy De Puniet e il connazionale Sylvain Guintoli, che andrà a sostituire Loris Capirossi nel caso in cui l'italiano non recuperasse per le gare del Sachsenring e Laguna Seca.

Nel pomeriggio anche il pilota Moto2 Andrea Iannone è salito in sella alla Ducati GP11 SAT per prendere confidenza con la classe regina del motomondiale.

De Puniet, dopo la delusione della gara di ieri ha sostenuto ben 89 giri, stoppando il cronometro con l'ottavo miglior tempo (1:49.384). 87 sono i giri affronati da Guintoli che ha chiuso con il decimo miglior tempo di 1:52.398. Ha concluso la giornata di test Andrea Iannone: il pilota abruzzese, al suo esordio in MotoGP, ha girato senza trasponder ma il suo tempo è di pochi decimi da quello messo a segno da Guintoli.

Randy De Puniet, Pramac Racing
"Oggi ho girato tanto, perché dopo la gara di ieri c'erano molte cose che non andavano per il verso giusto. Alla fine di questi test non posso dire di essere soddisfatto, perché il distacco con gli altri è sempre tanto. Abbiamo fatto qualche passo in avanti sulla moto usata in questo weekend, ma non basta per lasciare il Mugello col sorriso. Abbiamo lavorato molto, qualcosa abbiamo risolto, su altri aspetti dobbiamo ancora lavorare".

Sylvain Guintoli, Pramac Racing
"Ho incontrato alcune difficoltà oggi, soprattutto di adattamento con gli pneumatici. Non era facile montare sulla MotoGP dopo tanto tempo. Non potevo chiedere di più, per guidare al meglio questa moto c'è bisogno di girare tanto. Ma sono carico e credo che se avrò l'opportunità di scendere in pista al Sachsenring riuscirò a prendere ancor più confidenza con la moto".

Andrea Iannone
"Sono entusiasta di aver provato, finalmente, la MotoGP. Ringrazio il team Pramac Racing per l'opportunità che mi ha dato, ma soprattutto i tecnici per avermi supportato in questa giornata di test. Devo dire che la differenza con la Moto2 è tanta, questa Ducati ha un sacco di cavalli in più ed è difficile da portare. Devo impare ancora tante cose sulla MotoGP, ma l'approccio è stato più che positivo".

Comunicato Stampa Pramac Racing.

Tags:
MotoGP, 2011, GRAN PREMIO D'ITALIA TIM, Andrea Iannone, Randy de Puniet, Pramac Racing Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›