Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Conclusione amara per Álvaro Bautista

Conclusione amara per Álvaro Bautista

Finisce nel peggiore dei modi l’avventura californiana di Álvaro Bautista, uscito di pista al quattordicesimo giro del Red Bull U.S. Grand Prix.

Bautista, partito dalla dodicesima piazza, ha subito guadagnato una posizione alla fine del primo giro, riuscendo a salire fino all’ottavo posto, alle spalle delle Ducati di Hayden e Rossi. Lo spagnolo è poi riuscito a raggiungere la coppia e tra i tre sembrava pronta a ripetersi l’emozionante battaglia della settimana scorsa. Purtroppo però, al giro numero 14, Bautista ha perso il controllo della sua Suzuki GSV-R, finendo sulla ghiaia e vedendosi così costretto al ritiro dalla gara.

Álvaro Bautista, Rizla Suzuki
“Sono molto deluso dalla gara di oggi perché abbiamo lavorato bene tutto il weekend ma non abbiamo ottenuto il risultato che ci meritavamo. Questo fine settimana abbiamo provato molte cose e usato una messa a punto completamente diversa da quella dell’anno scorso, e siamo riusciti ad avere lo stesso buon feeling che avevamo in Germania. Non mi sono mai sentito così bene su una moto MotoGP come oggi, per cui so che ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Forse abbiamo fatto un errore venerdì e sabato, perché nel pomeriggio non abbiamo provato la gomma morbida all’anteriore. La gomma dura non andava male, ma non mi dava il feeling che volevo in curva; avevo abbastanza grip, ma non abbastanza informazioni. Anche in gara sono partito con gomma dura all’anteriore e penso che sia stato un errore non montare la morbida. Sono scattato bene, ma alcuni piloti mi hanno chiuso e non sono riuscito a passare, ma alla fine del primo giro avevo recuperato una posizione. Ho fatto alcuni altri sorpassi e mi sono trovato dietro alle due Ducati, ma avevo un po’ di distacco per cui ho dovuto riprenderli. Avevo davvero un buon passo, ero molto sicuro sulla moto, ma poi ho perso l’anteriore senza motivo e sono uscito di pista. Ho preso quella curva alla stessa velocità e nello stesso punto dei giri precedenti, quindi non so che cosa sia successo. Sono contento del lavoro fatto questo weekend e soddisfatto del livello della moto. Prima dell’incidente ero in lotta per il sesto o settimo posto e so che ora è lì che dobbiamo essere e nelle prossime gare dobbiamo continuare a lavorare a questo livello o migliorarlo. Ora avremo un po’ di tempo per rilassarci e ricaricare le batterie, per tornare al massimo per l’appuntamento di Brno”.

Comunicato stampa Rizla Suzuki.

Tags:
MotoGP, 2011, RED BULL U.S. GRAND PRIX, Alvaro Bautista, Rizla Suzuki MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›