Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Touchdown per le stelle MotoGP

Touchdown per le stelle MotoGP

Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso si sono uniti agli americani Ben Spies, Nicky Hayden e Colin Edwards per una sessione di allenamento con la squadra NFL degli Indianapolis Colts al Lucas Oil Stadium.

In occasione del pre evento ufficiale che apre il fine settimana del Red Bull Indianapolis Grand Prix, le stelle della MotoGP si sono date da fare con un divertente corso accelerato di football americano sotto l'occhio attento degli ex giocatori NFL degli Indianapolis Colts.

Ad assistere alla lezione erano presenti gli idoli di casa Ben Spies, Nicky Hayden e Colin Edwards ai quali si sono uniti Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, i piloti Moto2 Stefan Bradl e Marc Márquez e quelli 125 Nico Terol, Johann Zarco e Danny Kent.

Dopo l'incontro con le stelle dei Colts Bill Schultz, Roosevelt Potts, Darvell Huffman e Mike Prior, i piloti sono stati istruiti su schemi di attacco e di difesa e su come calciare nella maniera corretta il pallone, per poi diventare protagonisti di una piccola partitella nella quale Marquez e Hayden sono anche riusciti a segnare due touchdown.

"Sono un fan dei Colts, sia io che mio fratello abbiamo giocato nei Colts quando eravamo piccoli", ha dichiarato il pilota Ducati Hayden. "È stato emozionante venire qui al nuovo stadio ed imparare le regole del gioco! Chiaramente preferisco la fase offensiva, è più divertente!"

Un Lorenzo divertito per la sua prima esperienza con il football americano ha poi commentato: "Mi ha colpito, è uno sport particolare, con il quale non avevo mai avuto a che fare. Non conoscevo neanche una regola! Giocare con i professionisti è stato stimolante, e sinceramente avrei voluto più tempo a disposizione! Ho provato a dare tutto me stesso, ma non credo il mio livello sia dei migliori!"

Edwards, pilota Monster Yamaha Tech 3, ha apprezzato l'opportunità e al riguardo ha aggiunto: "Sembravo un bambino in un negozio di caramelle! Pensavo che una volta sceso su un campo del genere me la sarei presa con tranquillità, e invece sembravo un pollo senza testa che correva a destra e a sinistra come un matto!"

Tags:
MotoGP, 2011, RED BULL INDIANAPOLIS GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›