Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Marquez trionfa ad Aragón, Bradl trema

Marquez trionfa ad Aragón, Bradl trema

Il pilota di casa Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) conclude una prova superba, resistendo agli attacchi degli altri due piloti presenti con lui sul podio, Andrea Iannone (Speed Master) e Simone Corsi (Ioda Racing Project).

Si spengono i semafori e dalla griglia di partenza del Gran Premio de Aragón partono bene Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) e Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing), con Scott Redding (Marc VDS Racing Team) che si pone subito alle loro spalle, mentre nelle retrovie si fanno notare anche gli italiani Andrea Iannone (Speed Master) e Simone Corsi (Ioda Racing Project).

Con i primi due classificati del Campionato impegnati a darsi battaglia per la conquista del primato, è abile Redding ad approfittarne e a porsi al comando, con la situazione che dopo un solo giro vede l’inglese inseguito da Marquez, Bradl, Simon (Mapfre Aspar Team Moto2), Aleix Espargaró (Pons HP 40), e Alex De Angelis (JiR Moto2).

Nella tornata successiva ha inizio la bella rimonta degli italiani Andrea Iannone e Simone Corsi, con il pilota di Speed Mster che balza dalla nona alla quinta posizione, mentre nel gruppo di testa Marquez e Bradl riescono a raggiungere e ad avere la meglio su Redding che scivola così terzo. L’inglese deve però vedersela anche con Iannone, che vuole entrare assolutamente a far parte del gruppo in lotta per il podio.

L’italiano riesce nel suo intento conquistando la leadership al 7º giro del MotorLand Aragón, inseguito dai soliti Marquez e Bradl. I tre piloti devono però contrastare anche gli attacchi di Redding, De Angelis e Corsi, sempre rimasti pochi decimi alle loro spalle. Proprio l’italiano del team Ioda Racing Project decide di osare, dando tutto il possibile e riuscendo anche ad agguantare il primato dopo un quasi contatto tra Iannone e Marquez occorso alla 12esima tornata.

Non ha però vita facile il pilota romano che si lancia in un bel duello con il connazionale Iannone e Marquez, con lo spagnolo capace però di imporsi sbaragliando tutti a sette giri dal termine. A quel punto, il pilota del team CatalunyaCaixa Repsol concentra le energie rimaste per creare gap sui due italiani alle sue spalle: Marquez prima fa registrare il record del circuito, e poi allunga il proprio vantaggio a poco più di un secondo, quando mancano sei tornate alla conclusione.

I due italiani lanciati all’inseguimento sfruttano gli ultimi giri a loro disposizione per accaparrarsi la miglior piazza del podio, con Iannone che nei chilometri finali supera Corsi assicurandosi il secondo posto del podio di Aragón. Corsi deve prima vedersela con un tentativo del sammarinese De Angelis di rubargli la posizione, ma può poi godersi l’ultimo posto libero del podio.

Protagonista della battaglia nel gruppo di testa anche l’attuale leader del Campionato Stefan Bradl che però perde qualcosa nella seconda parte della prova, scivolando all’8º posto finale ed accontendandosi così di solo 8 punti. Chiude in quarta posizione Alex De Angelis (JiR Moto2), seguito da Aleix Espargaró (Pons HP 40) e Bradley Smith (Tech 3 Racing).

La classifica generale della categoria intermedia vede ancora al comando Stefan Bradl a quota 221 punti, seguito da un Marc Marquez sempre più vicino con 215 punti, Andrea Iannone con 132, Alex De Angelis con 122, e Simone Corsi con 115.

Tags:
Moto2, 2011, GRAN PREMIO DE ARAGÓN, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›