Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Profilo di un campione: Casey Stoner

Profilo di un campione: Casey Stoner

Il secondo titolo mondiale non sarebbe potuto giungere in un momento migliore per l'australiano Casey Stoner. Il numero 27 di Repsol Honda si laurea Campione del Mondo MotoGP 2011 proprio nel giorno del suo 26º compleanno.

Stoner, primo ed unico pilota Honda capace di aggiudicarsi il titolo MotoGP nell'era 800cc, aggiunge il risultato ottenuto a quanto conquistato nel 2007 con i colori Ducati. L'australiano è il 5º pilota della storia ad aver vinto la corona della massima categoria con due differenti squadre, e come lui in passato Giacomo Agostini, Valentino Rossi, Geoff Duke e Eddie Lawson.

Di lui si è parlato bene sin dal debutto nel Campionato del Mondo 125 all’età di 15 anni, quando scese in pista a Donington Park come wild card (2001). Stoner ha saputo sfruttare a favore della propria carriera nascente la scelta coraggiosa di trasferirsi in Europa presa dalla sua famiglia.

Nel 2002 ha inizio il suo percorso come pilota a tempo pieno in 250, sotto la guida di Lucio Cecchinello. Però solo grazie al passaggio in 125 nella stagione successiva, il talento di Stoner ha avuto modo di sbocciare del tutto, con 4 podi e la prima vittoria conquistata nell'ultimo round del calendario. Nel 2004 si è poi lanciato nella sfida per il titolo, regalando a KTM il primo trionfo in un GP e chiudendo la stagione con il 5º piazzamento assoluto.

Il successivo ritorno in 250 nel 2005, sempre con il team di Cecchinello, ha dato vita ad un'emozionante battaglia con Pedrosa nella corsa al titolo, con Stoner autore di cinque vittorie. Solo un anno dopo, l'australiano debutta nella classe regina con il team LCR in sella ad una Honda: per lui una stagione fra alti e bassi con una pole nella seconda gara di Qatar e molte cadute utili ad accumulare esperienza. Quanto mostrato in pista ha richiamato l’attenzione di Ducati, che per l'anno successivo propone a Stoner un contratto nel team ufficiale.

La vittoria nella prima gara MotoGP del 2007 in Qatar ha lasciato a bocca aperta sia il pilota che la squadra, ma i successi riscossi in Turchia e Cina hanno reso più concreto un titolo che sembrava inizialmente solo un sogno. La grande prova fatta registrare nel GP di Catalogna, dove fu protagonista di un'incredibile battaglia con il 5 volte campione Valentino Rossi, verrà sempre ricordata da tutti come una delle più grandi gare della storia. L’australiano ha poi portato avanti il proprio dominio anche nella restante parte della stagione, con ben tre vittorie consecutive (Laguna Seca, Brno e Misano). Stoner ha messo mano al titolo con ben 4 turni ancora da disputare, chiudendo il 2007 con un totale di 10 vittorie, 14 podi e 5 pole.

Nel tentativo di difendere il proprio titolo nel 2008, Stoner ha incrociato numerose volte sulla propria strada il rivale Rossi: il loro duello di Laguna Seca è indicato da tutti come uno dei più belli degli ultimi anni di storia del motociclismo. Al termine della stagione l'australiano si è poi dovuto accontentare della seconda posizione alle spalle di Rossi, nonostante le 6 vittorie e le 9 pole conquistate in sella alla sua Desmosedici.

Il 2009 non è stato particolarmente proficuo per Stoner, che ha rinunciato a 3 GP consecutivi per alcuni problemi seguiti alla scoperta di un'intolleranza al lattosio, chiudendo la stagione con il 4º posto. Nessuna occasione di riscatto per l’australiano nell’anno successivo, dove conquista solo 3 vittorie in sella ad una Desmosedici sempre più difficile da controllare. Prima della conclusione della stagione, Repsol Honda firma con il pilota un contratto per il 2011.

Il passaggio alla scuderia giapponese sembra far scattare in Stoner quella scintilla che quattro anni prima gli permise di dominare il Campionato. La pole e la vittoria nel round inaugurale di Qatar hanno dato un chiaro segno delle potenzialità del pilota, che nell'appuntamento di Phillip Island ha messo mano sul titolo mondiale con due gare d'anticipo. Oltre alle nove vittorie messe a segno, Stoner ha sempre dimostrato una grande costanza nei risultati, con solo una gara conclusa fuori dal podio.

Vincendo per la quinta volta consecutiva la gara di casa, Stoner non solo si aggiudica il secondo titolo mondiale, ma fa anche segnare il trionfo numero 32 della sua carriera MotoGP e ben 11 pole, un record per l'era 4 tempi.

Alcune informazioni sui risultati di Casey Stoner

- Casey Stoner è il primo pilota Honda capace di vincere un titolo mondiale MotoGP durante l’era 800cc.

- È scattato dalla pole in 11 occasioni nel 2011, facendo segnare il record per il maggior numero di pole ottenuto in un'unica stagione nell'era 4 tempi della MotoGP.

- È il quinto pilota della storia del motociclismo mondiale capace di vincere il titolo con due differenti squadre. Prima di lui Giacomo Agostini, Valentino Rossi, Geoff Duke e Eddie Lawson.

- Grazie ai suoi 32 trionfi nella massima categoria, Casey Stoner va ad occupare la quinta linea della lista contenente il numero di vittorie di tutti i piloti della storia del motociclismo mondiale, subito dopo Valentino Rossi, Giacomo Agostini, Mick Doohan e Mike Hailwood.

Tags:
MotoGP, 2011, IVECO AUSTRALIAN GRAND PRIX, Casey Stoner, Repsol Honda Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›