Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

De Angelis sul gradino più alto di Phillip Island, Bradl di nuovo leader del Campionato

De Angelis sul gradino più alto di Phillip Island, Bradl di nuovo leader del Campionato

Emozionante gara Moto2 conclusasi con la vittoria del sammarinese Alex De Angelis (JiR Moto2) che ripete quanto fatto esattamente un anno fa sul circuito australiano. Secondo posto per Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing) che torna in vetta alla classifica generale. Rimonta incredibile per Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) che chiude terzo.

Si spengono i semafori dell’Iveco Australian Grand Prix e dalla griglia di partenza scattano bene Pol Espargaró (HP Tuenti Speed Up), Scott Redding (Marc VDS Racing Team) e Stefan Bradl (Viessmann Kiefer Racing), mentre perde qualcosa Alex De Angelis (JiR Moto2) che scivola 6º. Subito bene Marc Marquez (Team CatalunyaCaixa Repsol) che balza in 12esima posizione dopo un solo giro.

Pol Espargaró si pone al comando dell’intera classe, ma dura poco perché qualche chilometro dopo lo spagnolo perde per un attimo il controllo della sua FTR lasciando così la via libera agli altri due contendenti per la leadership Redding e Bradl.

Ed è proprio il tedesco di Viessmann Kiefer Racing a balzare al comando, con il rivale Marquez protagonista nelle retrovie di un’incredibile rimonta che lo vede salire in decima piazza dopo poche tornate. Lo spagnolo si scrolla di dosso la penalità inflitta dalla Direzione di Gara e mette in scena un’emozionante scalata nella classifica, salendo 7º dopo appena 8 giri.

Marquez raggiunge Pol Espargaró e Andrea Iannone (Speed Master) nel gruppo degli inseguitori, mentre al fronte Bradl se la deve vedere con gli attacchi di De Angelis e Claudio Corti (Italtrans Racing Team). Il sammarinese, vincitore della gara 2010, si piazza alle spalle del tedesco riuscendo anche a superarlo all’11esima tornata.

Non smette di stupide l’attuale Campione del Mondo 125 Marquez, che al 14º giro passa in quarta posizione, subito dietro Corti, mentre pochi metri avanti Bradl si riprende il primato della classe relegando De Angelis in seconda piazza.

A 5 tornate dalla conclusione la situazione vede Bradl e De Angelis in testa, staccati a più di due secondi da un Marquez abile a catturare e mettersi alle spalle Corti. Osservano sei secondi dietro l’inglese Redding e lo spagnolo Pol Espargaró.

La gara si risolve con il penultimo passaggio sul traguardo, quando De Angelis sfrutta il rettilineo e supera Bradl, che però commette un errore nel tentativo di riprendersi la posizione sottratta. Ne approfittano Marquez e Corti che si uniscono al tedesco nella battaglia finale per il podio. De Angelis guadagna nel frattempo qualche decimo e si assicura la prima vittoria stagionale, proprio come fece nel 2010 scattando dalla pole, mentre Bradl, con una zampata finale, riesce a conquistare il secondo posto seguito da Marquez, applaudito al suo arrivo sulla pit lane per l’incredibile rimonta fatta.

Chiude con il 4º posto l'italiano Claudio Corti (Italtrans Racing Team). Ottavo sulla linea d'arrivo Andrea Iannone (Speed Master), 14º Michele Pirro (Gresini Racing Moto2), 15º Simone Corsi (Ioda Racing Project).

Classifica generale che vede ora al comando Bradl a quota 254 punti, seguito da Marquez a 251, Iannone a 165, De Angelis a 157, e Corsi a 127.

Tags:
Moto2, 2011, IVECO AUSTRALIAN GRAND PRIX, RAC, Alex de Angelis, JIR Moto2

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›