Acquisto Biglietti
VideoPass purchase

Stoner senza pressione verso l'appuntamento di Sepang

Colin Edwards, Andrea Dovizioso, il neo Campione del Mondo Casey Stoner, Valentino Rossi e Álvaro Bautista tutti presenti alla conferenza stampa del giovedì che apre il fine settimana dello Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix.

Tornato subito al lavoro dopo aver conquistato il titolo MotoGP 2011 con la bella vittoria nella gara di casa solo cinque giorni fa, Casey Stoner si è unito al compagno di squadra Andrea Dovizioso, Valentino Rossi, Colin Edwards e Álvaro Bautista nella classica conferenza stampa del giovedì che anticipa l'inizio dell'azione dello Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix.

Molta meno pressione sulle spalle per il pilota australiano, che con il titolo già al sicuro potrà concentrarsi al meglio sui due ultimi appuntamenti della stagione.

"Scenderò in pista più rilassato", ha dichiarato il 26enne. "Vedremo cosa succederà domani una volta entrati nei box, come procederà il lavoro e se il tutto si svolgerà con più tranquillità, visto il grosso peso che ci siamo tolti. Sapevamo che sarebbe bastato solo un piccolo errore per permettere a Jorge di colmare il gap e renderci complicata la parte finale del Campionato. Ovviamente presentarci qui con il titolo già al sicuro è tutta un'altra cosa. Potremo pensare e lavorare con un'ottica completamente differente, godendoci le ultime gare".

A Sepang Stoner ha vinto in ogni categoria e si augura che il tempo atmosferico caldo e umido tipico del tracciato malese favorisca lo svolgimento di un bel weekend.

"Speriamo che il meteo non ci riservi sorprese", ha aggiunto. "È bello tornare su un circuito dove in passato abbiamo sempre fatto bene".

Con il podio di Phillip Island Dovizioso ha mantenuto la terza posizione in classifica, e continuerà nel fine settimana a tenere a bada il compagno di squadra Dani Pedrosa, pronto ad affrontare il duello per la conquista dell'ultimo posto disponibile in top3 nella classifica generale.

"È una battaglia tutta casalinga, nella stessa squadra, e tutti sanno quanto sia per me importante finire davanti", ha affermato l'italiano. "Concludere il Campionato in terza piazza per me sarebbe una grande soddisfazione, soprattutto con l'addio a fine stagione. Sono seriamente determinato a conquistare questo risultato, anche se sono consapevole di una una piccola possibilità di terminare con il secondo posto".

Ha poi aggiunto: "Questa è una pista bellissima, specialmente con la MotoGP, ed è davvero piacevole correre qui. Ho buone possibilità su questo circuito e spero di potermela giocare per la vittoria domenica".

Parlando della sua recente decisione di unirsi al team di Hervé Poncharal per il 2012, Dovizioso ha concluso: "Non è stata una decisione semplice perché Honda è davvero forte e sono stato con loro per due anni. Nei miei sogni c'è ancora la possibilità di provare a lottare per il Campionato, anche se in questo momento, con piloti così forti in pista, non ho molte opportunità. Quindi ci proverò in un'altra maniera".

Rossi si affaccia a questo fine settimana dopo i complicati GP di Giappone e Australia. L'italiano è salito sul gradino più alto del podio di Sepang in sei occasioni con la classe regina, ma è consapevole delle difficoltà nella ricerca di un pronto riscatto nel weekend malese.

"È sempre bello correre a Sepang, adoro questa pista e ho sempre fatto registrare buoni risultati qui", ha dichiarato l'italiano. "Nei test prestagionali non sono stato velocissimo, quindi speriamo di fare meglio nel weekend. Stiamo lottando per la quinta piazza del Campionato: in questo momento sono settimo, ma ho perso punti preziosi con le ultime due cadute. La battaglia per il quinto posto però non è ancora finita".

Il dito infortunato nell'incidente di Motegi continua ad essere un problema per Rossi, che ha spiegato: "Sfortunatamente per scendere in pista a Phillip Island ho dovuto fare un sacco di iniezioni perché il dolore era troppo, e il dito è tuttora gonfio. Spero vivamente che nei prossimi giorni diminuisca il fastidio".

Edwards è già concentrato sul passaggio ad un nuovo CRT team per il prossimo anno, e l'americano si presenta a Sepang per chiudere al meglio la sua esperienza con Monster Yamaha Tech 3.

"È un'avventura del tutto nuova e ci sarà parecchio lavoro da fare", ha commentato Edwards, finito 5º sul traguardo australiano. "Tutti vogliono corse MotoGP più combattute e competitive, come sta accadendo in Moto2..qualcuno dovrà pur fare la prima mossa".

Nel confermare il set up della moto sulla quale salirà in sella per la prossima stagione, l'americano ha aggiunto: "È una BMW/Suter, e non vedo davvero l'ora di lavorare con questi ragazzi. Dobbiamo scendere in pista, effettuare test, e dare il massimo. Probabilmente non sarò competitivo sin dalle prime gare, ma ci impegneremo per crescere".

Bautista ha sfiorato un'impressionante top5 nelle ultime due gare prima di essere colpito dalla sfortuna finendo fuori pista. Lo spagnolo è fiducioso all'idea di poter convertire l'ottimo stato di forma attuale e il potenziale della GSV-R in un buon risultato su una pista dove in passato ha fatto segnare il suo miglior piazzamento in MotoGP (5º posto nel 2010).

"La Suzuki ora è competitiva in ogni tipo di condizione e su ogni tipo di pista. In Australia la Suzuki ha sempre faticato non poco, ma siamo comunque riusciti a chiudere un buon fine settimana. Qui l'anno scorso ho tagliato il traguardo in quinta posizione, e per quest'anno il nostro obiettivo sarà essere ancora più competitivi", ha affermato Bautista che vedrà entrare in azione al suo fianco la wildcard John Hopkins.

Tags:
MotoGP, 2011

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›